Sport

Buffon: Conte da rispettare, Sarri Pignolo, Mancini ha grandi meriti

Non potrò mai muovergli un appunto

Buffon su Conte: "Conosco alla perfezione la persona e il professionista, non potro' mai muovergli un appunto o una critica". Intervistato a Trento, nell'ambito del Festival dello Sport, dalla compagna-giornalista Ilaria D'Amico, Gianluigi Buffon spende parole 'al miele' per Antonio Conte, criticato da parte della tifoseria bianconera per il passaggio sulla panchina dell'Inter.

"E' un uomo di una professionalita' e correttezza unica verso i giocatori, veramente da' tutto se stesso e la notte non dorme se la squadra non mette in campo quello che richiede - ha sottolineato il 41enne campione bianconero - Capisco il tifoso della Juve che possa esserci rimasto male ed e' un sentimento giusto, ma deve anche partire dal presupposto che uno come Antonio va stimato a prescindere perche' per la Juve ha dato tutto se stesso". "Conosco Sarri da tre mesi ma posso dire gia' che e' l'allenatore piu' pignolo che abbia avuto - ha proseguito - Ulivieri e Allegri sono stati i piu' simpatici, Scala il piu' serio, lo percepivo il padre-padrone di quel Parma, mentre Ancelotti e' l'allenatore al quale devo di piu'".

Su CR7: "Gli auguro tantissimo di vincere il Pallone d'Oro, se accadra' e' perche' la Juve avra' vinto qualcosa di importante in Europa...". Infine Buffon manda da Trento un 'bravo' sentito al ct azzurro Mancini: "La qualificazione in anticipo agli Europei e' soprattutto merito suo, che ha preso la Nazionale quasi dalle ceneri e ha dato fiducia a dei giovani che lo stanno ripagando con grandi risultati".

(ITALPRESS)