Auto storiche

La 500 storica si racconta in un convegno a Garlenda

Un’auto, un’icona, un fenomeno sociale

Sabato 28 settembre al Museo Multimediale della 500 “Dante Giacosa” di Garlenda si terrà il convegno “La 500 storica si racconta alla stampa – Un’auto, un’icona, un fenomeno sociale e di costume”, una giornata dedicata ad approfondire vari aspetti legati alla celebre auto ed al suo variegato mondo, di cui il Fiat 500 Club Italia è il massimo rappresentante.

Dalle 10 alle 16.30 i relatori si impegneranno nel dimostrare che la piccola vettura può essere protagonista di notizie che vanno al di là del motorismo (storico e non) e che possono coinvolgere tutti i settori di una redazione: dall’economia al gossip, dagli eventi alla cultura, dai viaggi alle manifestazioni. Dopo l’accoglienza e la visita guidata a cura del conservatore del Museo Ugo Elio Giacobbe, cui farà seguito un saluto dell’Amministrazione Comunale, interverranno due figure chiave del Fiat 500 Club Italia: il fondatore Domenico Romano su “1984-2019 35 anni di Club a Garlenda” ed il presidente onorario e direttore del Meeting Internazionale di Garlenda Alessandro Scarpa su “Il Meeting, il territorio e lo Slow Drive”. A seguire, il direttore del magazine del sodalizio Stefania Ponzone e Francesca Caneri dell’ufficio stampa parleranno di: “I 30 anni di 4PiccoleRuote”, “Raccontare la 500 sui social network” e si soffermeranno sul libro “Un mito italiano”, di cui sono state autrici nel 2017, in occasione del 60° anniversario della mitica bicilindrica.

Colomba Tirari, past president Unicef provincia di Imperia, parlerà de “La 500 e la solidarietà”, ricordando l’impegno del Club in campo sociale e la partnership con l’organizzazione per la tutela dell’infanzia. Altro importante intervento è quello di Danilo Castellarin, giornalista e presidente della Commissione Storia e Musei dell’ASI, che tratterà il tema “La Strada dei Musei per comunicare la storia”; la data del 28 settembre non è infatti stata scelta a caso, in quanto domenica 29 è la giornata nazionale del veicolo d’epoca, promossa appunto dall’ASI. Dopo l’intervento di un rappresentante dell’Ordine dei Giornalisti della Liguria (il convegno infatti è valido per l’assegnazione dei crediti formativi – per info e iscrizioni collegarsi alla piattaforma Sigef), ci sarà un break con rinfresco.