Noleggio con conducente e spese

Diritti d'istruttoria per NCC, interrogazione del M5S di Modica

Medica si rivolge all'amministrazione comunale

A Modica diritti di istruttoria anche per gli NCC, il M5S presenta un’interrogazione. Firmatario dell’interrogazione, il Consigliere Comunale del M5S, Marcello Medica, il quale, fa presente che con Delibera di Giunta del novembre 2017 si è proceduto ad equiparare alcuni procedimenti del IV Settore e in particolare quelli riguardanti l’attività di noleggio con conducente (NCC) a quelli già previsti.

Il Consigliere 5 Stelle chiede all’Amministrazione Comunale le dovute spiegazioni riguardo all’equiparazione che penalizza non poco gli operatori NCC e in particolare: quali sono, ad oggi, i servizi previsti per la categoria in questione a fronte dell’equiparazione di cui sopra, attraverso l’introduzione del diritto di istruttoria di € 100 per ogni procedimento; se non si ritenga opportuno procedere all’abolizione di tale diritto d’istruttoria, riguardo alla categoria degli operatori NCC, poiché ciò aggrava non poco la già precaria condizione economica in cui versano; in subordine se non si ritenga opportuno circoscrivere detti diritti di istruttoria a un numero ristretto di casistiche e per un onere più contenuto; ovvero se non si intenda vagliare la possibilità di limitare a una tantum l’imposizione del tributo; e inoltre, se non si ritenga opportuno sgravare i suddetti operatori di altre incombenze, qual è l’oneroso obbligo annuale di produrre la documentazione che ne consente l’operare anche in assenza di variazioni nell’attività;

Il M5S Modica, per bocca del suo rappresentante istituzionale, chiede, quindi, all’Amministrazione una risposta orale in Consiglio Comunale e la invita a venire incontro alla folta categoria degli operatori NCC, già in evidenti difficoltà e che invece va agevolata per gli importanti servizi turistici che offre, a maggior ragione in una città come Modica che ormai fa del turismo uno dei settori portanti della sua economia e dove i servizi di trasporto pubblico sono ridotti all’osso per non dire inesistenti e chiede infine cosa si sta facendo per contrastare l'abusivismo. 

 
Commenta la News