Recco

Open Arms, Salvini firmerò ancora il divieto d'ingresso

Pensate in che Paese strano viviamo

"Pensate in che Paese strano viviamo, un avvocato del Tribunale amministrativo del Lazio vuole dare il permesso di sbarcare a una nave straniera piena di immigrati. Ancora nelle prossime ore firmero' il mio no, io complice dei trafficanti di esseri umani non saro' mai".

Lo ha detto il vicepremier e ministro dell'Interno, Matteo Salvini, a Recco (Genova), commentando la sospensione del divieto d'ingresso in Italia nei confronti della Open Arms. "C'e' una nave di una ong spagnola in acque maltesi che fa ricorso a un tribunale italiano, non si capisce perche'. Poi c'e' una nave norvegese di una Ong francese - ha aggiunto -. E' chiaro ed evidente che c'e' un disegno per tornare indietro, per riaprire i porti italiani e trasformare l'Italia nel campo profughi d'Europa. Finche' ho vita non mi arrendo e resisto a questa vergogna, anche per rispetto degli immigrati che sono qua regolarmente. Non cambio idea, possono minacciarmi, denunciarmi, processarmi".

(ITALPRESS)