Politica

Salvini avverte il M5S: la manovra dovrà essere coraggiosa

Dopo una lunga giornata di incontri

Al termine di una lunga giornata di incontri con le parti sociali al Viminale, Matteo Salvini tira le fila delle proposte ricevuta da sindacati e associazioni di categoria.

Lo scenario che viene fuori dalle parole del leader della Lega e' la necessita' di una "manovra coraggiosa", che non potra' essere "realizzata a costo zero" e che in qualche modo dovra' trovare il consenso di Giovanni Tria, ministro dell'Economia. Oltre al profilo economico, pero', il vicepremier e ministro dell'Interno lancia un messaggio agli alleati di governo del Movimento 5 Stelle. "O riusciamo a incidere sui fronti indicati dalle parti sociali oppure non siamo incollati alle poltrone. Se possiamo fare le cose, le facciamo. Se non le possiamo fare, non e' che ci obbliga il buon dio a stare incollati alle poltrone", chiarisce in una conferenza stampa al Viminale al termine della giornata di consultazioni. Non esclude, dunque, che, se non dovesse essere realizzata l'agenda politica voluta dalla Lega, potrebbero esserci novita' politiche "anche prima di settembre".

Salvini non si pronuncia esplicitamente sull'imminenza di un voto anticipato, ma ribadisce la necessita' "di fare bene e in fretta", anziche' dare vita "a un lento inseguimento" insieme agli alleati. Questa sarebbe la ricetta proposta al M5S per evitare la crisi di governo ancor prima dell'autunno.

(ITALPRESS)