L'Inps chiarisce

Visita fiscale e fasce di reperibilità

Ogni caso è a sè

Visita fiscale e fasce di reperibilità. Non tutte le patologie possono essere esonerate e non sempre può bastare un certificato medico. In merito è intervenuta anche l’ente previdenziale Inps fornendo chiarimenti sull’esonero e quali sono le casistiche divise per dipendenti pubblici e privati.

Possono avere l’esonero delle fasce di reperibilità i lavoratori che si trovano nelle seguenti condizioni: patologie gravi che richiedono terapie salvavita; stati patologici connessi alla situazione di invalidità riconosciuta pari o superiore al 67%. Una sentenza della Corte di Cassazione che ha esaminato il caso di un lavoratore affetto da stati di ansia dice che se lo specialista prescrive svago e divertimento per curare la patologia del paziente, questi può uscire di casa senza rispettare le fasce di reperibilità. Da questa sentenza tanti i dubbi e le richieste di esonero.

Si ricorda però che ogni caso è a sé ed in generale l'Inps ha specificato che non è previsto nessun esonero tranne nei casi di invalidità uguale o superiore al 67% e per alcune patologie invalidanti.