Roma

Livelli d'istruzione in crescita, con laurea più facile lavorare

In Italia è stimata a 61 per cento

In Italia la quota di 25-64enni in possesso di almeno un titolo di studio secondario superiore, e' stimata pari a 61,7% nel 2018 (+0,8 punti percentuali sul 2017), un valore molto inferiore a quello medio europeo, pari a 78,1%.

Su questa differenza incide la bassa quota di 25-64enni con un titolo di studio terziario: meno di due su dieci in Italia (19,3%, +0,6 punti rispetto all'anno precedente) contro oltre tre su dieci in Europa. E' quanto emerge dai dati del Report dell'Istat sui livelli di istruzione e i ritorni occupazionali relativi al 2018. Sul territorio nazionale il piu' basso livello di istruzione si riscontra nel Mezzogiorno, dove poco piu' di un adulto su due ha conseguito almeno il diploma di scuola secondaria superiore; al Centro si stima invece il valore piu' alto, oltre due adulti su tre. Situazione analoga si rileva per il livello di istruzione terziario, ancora una volta minimo nel Mezzogiorno (15,3%) e massimo al Centro (23,3%).

Sicuramente i piu' giovani sono anche i piu' istruiti: si consideri ad esempio che il 75,9% dei 25-34enni ha almeno il diploma di scuola secondaria superiore contro il 47,9% dei 60-64enni. Per quanto riguarda la quota di 30-34enni in possesso di un titolo di studio terziario, malgrado il miglioramento dell'ultimo anno (+0,9 punti sul 2017) e una crescita superiore a quella media europea tra 2014 e 2018 (+3,9 punti contro +2,7 punti) il nostro Paese si posiziona al penultimo posto nell'Ue. Il premio dell'istruzione - inteso come maggiore occupabilita' al crescere dei livelli di istruzione - e' pari a 18,4 punti nel passaggio dal titolo secondario inferiore al titolo secondario superiore e a 10,2 punti nel confronto tra quest'ultimo e il titolo terziario (19,6 e 9,4 punti, i rispettivi valori Ue).

(ITALPRESS)