Roma

Nel 2018 italiani in fuga dal cinema, bene teatro e concerti

In crescita i valori economici della spesa al botteghino

L'attivita' dello spettacolo nel 2018 ha sostanzialmente tenuto rispetto all'anno precedente con una leggera flessione dello 0,28% mentre sono in crescita i valori economici della spesa al botteghino, +2,91% e della spesa del pubblico +3,73%.

Questi sono alcuni dei dati contenuti nell'annuario dello spettacolo presentato questa mattina a Roma dal presidente della Siae, Giulio Rapetti, in arte Mogol, dal vicepresidente, Salvatore Nastasi, e dal direttore generale Gaetano Blandini. Il dato peggiore per il 2018 arriva dal mondo del cinema che per il secondo anno consecutivo fa segnare il segno meno davanti a tutti gli indicatori, infatti, si sono persi 7,9 milioni di ingressi, rispetto al 2017 mentre la spesa al botteghino e' diminuita del 6,44% e quella del pubblico del 6,89%.

Il teatro, al contrario, vede una buona ripresa con indicatori positivi: +0,62% degli spettacoli, +0,87% degli ingressi, +2,06% per la spesa al botteghino e +2,84% per quella del pubblico. Prosegue anche la crescita dell'attivita' concertistica, classica, musica leggera e jazz, che con una crescita di poco sotto l'1% per il numero di spettacoli e un +9,08% degli ingressi e' un +16,25% della spesa al botteghino. A fare la voce grossa la musica leggera con un +12% degli ingressi e un +18.26% della spesa al botteghino. "La sfida piu' grande - dice Mogol - e' la tutela del diritto d'autore sul web perche' le grandi piattaforme digitali che guadagnano miliardi non vogliono pagarlo.

Vogliamo fare un incontro con tutti i partiti per parlare di questo e chiedere: perche' no?". Per il vicepresidente Siae Salvatore Nastasi "e' fondamentale la norma sul secondary ticketing perche' aiuta i controlli e gli organizzatori. In questo siamo al fianco del governo". Il direttore generale Gaetano Blandini sottolinea come il 2018 sia stato "un anno di luci e ombre. La musica leggera e pop trainano tutto, hanno un incasso importante, segnali positivi arrivano anche dal jazz".

(ITALPRESS)