Benessere

Dieta proteica speciale dei 4 giorni per dimagrire 2 kg: menù

Ecco cosa si mangia nei 4 giorni

La dieta proteica speciale dei 4 giorni può far dimagrire fino a 2 kg. E’ una dieta semplice ma molto restrittiva e non adatta a tutti, quindi raccomandiamo di consultare il proprio medico di famiglia o uno specialista prima di seguire questo regime alimentare dietetico.

Ma vediamo cosa si mangia nei 4 giorni. Lunedì: colazione con mezza arancia, una tazza di caffè nero oppure 1 tazza di tè. Pranzo: 2 uova sode, mezza tazza di fagioli e cipolle cotti in padella. Cena: carne alla griglia, insalata di lattuga e pomodoro e una mela. Martedì: colazione con mezza arancia, una tazza di caffè nero oppureuna una tazza di tè. Pranzo: zucca cotta alla griglia, cavolfiore lesso, mezzo bicchiere di salsa di mele. Cena: petto di pollo alla griglia, insalata di lattuga e pomodoro. Mercoledì: colazione con mezza arancia, una tazza di caffè nero oppure una tazza di tè. Pranzo: un hamburger alla griglia, insalata di lattuga e sedano euna mela. Cena: petto di pollo alla griglia, insalata di lattuga e radicchio e un succo di prugne.

Giovedì: colazione con mezza arancia, una tazza di caffè nero oppure una tazza di tè. Pranzo: 2 uova sode, asparagi lessi e insalata di lattuga e pomodori. Cena: carne alla griglia, insalata verde e pomodorini e una macedonia di frutta. Per avere un dimagrimento sicuro con la dieta proteica specialie dei 4 giorni occorre seguire delle regole: tutto il cibo deve essere mangiato in porzioni normali, senza esagerazione; carne e verdure devono essere condite con limone e olio; quando è necessario rimuovere la pelle del pollo, che risulta troppo grassa; bere almeno cinque bicchieri di acqua al giorno: 2 appena alzati, 1 prima di ogni pasto, 1 nel pomeriggio e 1 prima di coricarsi.

Come facciamo sempre nelle diete pubblicate sul nostro sito raccomandiamo di consultare il proprio medico o uno specialista prima di cominciare qualsiasi regime alimentare dietetico. Una raccomandazione rivolta in particolare a chi soffre di varie patologie, come il diabete, e alle donne in gravidanza. 

 
Commenta la News