"Il fatto non sussiste"

Innocenzo Leontini assolto dall'accusa di peculato

La Corte d'Appello di Palermo ha assolto l'europarlamentare uscente

Innocenzo Leontini europarlamentare uscente di Fratelli d'Italia è stato assolto dall'accusa di peculato per la vicenda delle cosiddette spese pazze alla Regione Sicilia. La Corte d’Appello di Palermo lo ha assolto con formula piena dall’accusa perché il fatto non sussiste. Leontini, all’epoca dei fatti contestati era capogruppo del Pdl all’Assemblea regionale siciliana.

In primo grado era stato condannato a due anni, pena sospesa, con l’accusa di aver speso i fondi del gruppo per finalità non rispondenti a quelle istituzionali. “La sentenza di oggi – spiega Leontini – acclara che le azioni da me compiute sono regolari e totalmente rispettose della Legge. Ringrazio gli avvocati Salvatore Campanella e Raffaele Bonsignore che mi hanno assistito in questi anni difficili”. E l'onorevole Leontini, in seguito alla notizia di assoluzione, ha convocato una conferenza stampa per domani alle 11.00 all'Hotel Poggio del Sole Resort a Ragusa.