Iniziativa dela Capitaneria di Porto

Giornata della sicurezza in mare ieri a Pozzallo

Coinvolti gli studenti dell'Istituto "La Pira"

Giornata dedicata alla sicurezza in mare, ieri, 1 giugno, nello specchio acqueo antistante la spiaggia di Raganzino di Pozzallo, davanti al suggestivo sfondo della Torre Cabrera. L'iniziativa è stata della Capitaneria di Porto, insieme alla locale Sezione della Lega Navale Italiana e con la partecipazione dell’Istituto "La Pira" e della Società di Salvamento Genova – Sezione di Ispica.

Le attività svolte sono state interamente gestite dagli studenti dell’Istituto Nautico di Pozzallo, impegnati nel progetto PON di alternanza scuola-lavoro presso la Guardia Costiera iblea ed hanno permesso agli stessi di prendere parte in prima persona, sempre sotto il coordinamento della Guardia Costiera, una complessa attività di soccorso, in collaborazione con gli Enti coinvolti come ausilio della risorsa S.A.R. Lo scenario ha previsto un soccorso ad un bagnante in difficoltà, a seguito della richiesta di assistenza partita da un’imbarcazione da diporto presente in mare, davanti la spiaggia di Raganzino, subito dopo è stato effettuato il recupero del bagnante – da parte di personale abilitato – e l’imbarcazione, messa in sicurezza, data l’assenza del conduttore colto da malore, e stata poi assistita nelle operazioni di rientro nel porto piccolo di Pozzallo.

Nel corso della simulazione sono intervenuti i velivoli del Gruppo aereo “Aquile verdi” della Protezione civile del Comune di Modica che, avvistando dall’alto il segnalamento fumogeno azionato da una delle unità presenti, hanno comunicato via radio alla Sala Operativa della Capitaneria la situazione di emergenza in mare. Da qui, gli studenti presenti in Sala Operativa hanno disposto l’invio in zona della motovedetta CP 2113 per l’assistenza e il soccorso all’unità ed ai bagnanti, richiedendo, in aggiunta, l’intervento degli assistenti bagnanti in servizio presso la postazione attiva nella spiaggia di Raganzino.

Al pericolante, soccorso mediante l’intervento di una moto d’acqua appositamente attrezzata sono state subito assicurate le cure mediche del caso e, una volta trasportato a riva, è stata anche effettuata una simulazione di massaggio cardiaco e rianimazione. 

 
Commenta la News