Benessere

La dieta del riso per dimagrire in fretta: ecco lo schema settimanale

3kg in due settimane

Ideale per chi deve dimagrire o restare in linea la dieta del riso ha un basso impatto glicemico e permette di perdere fino a tre chili in due settimane, e senza ricorrere a rinunce eccessive: l’apporto calorico giornaliero si aggira intorno alle 1200 calorie, ma la versatilità e l’appetibilità delle sue varietà garantiscono ogni giorno un piatto gustoso e appagante per ogni palato.

Leggera, nutriente e saporita la dieta del riso è particolarmente adatta per dimagrire in fretta e senza troppa fatica. I suoi chicchi, indipendentemente dalla varietà, hanno lo stesso potere energetico della pasta, ma saziano di più, perché dopo la cottura trattengono molta acqua e si gonfiano: ne bastano 50 grammi per ottenere una porzione consistente, in grado di donare sazietà apportando solo 62 calorie. Inoltre, il riso è ricco di sali minerali e vitamine, soprattutto quelle del gruppo B, che assicurano un buon funzionamento dei processi metabolici facendo sì che l’organismo bruci meglio l’energia introdotta con l’alimentazione. In più, la dieta del riso ha anche un’ottima funzione depurativa, perché fornisce un elevato apporto di potassio e un bassissimo contenuto di sodio, che rappresentano la combinazione ideale per favorire la diuresi e il drenaggio dei liquidi nei tessuti. Infine, essendo privo di glutine, il riso è un alimento perfetto anche per chi è intollerante.

Ecco uno schema settimanale, da ripetere due volte anche alternando i giorni, che vi permetterà di perdere una taglia in due settimane e rientrare senza fatica nei vecchi jeans. Lunedì: colazione un bicchiere di latte di riso e 2 gallette di riso con 2 cucchiaini di marmellata di pesche, oppure un caffè d’orzo e tre biscotti di riso, oppure un tè e uno yogurt magro con 3-4 cucchiai di riso soffiato. Spuntino (metà mattina e metà pomeriggio): un frutto fresco oppure due palline di gelato di riso oppure un bicchiere di succo di frutta senza zucchero. Pranzo: insalata di riso integrale (50 g) con 80 g di tonno al naturale sgocciolato e pomodorini freschi a volontà, un frutto piccolo. Cena: una porzione di spaghetti di riso (60 g) conditi con 50 g di emmenthal a dadini, fagiolini e germogli di soia freschi.

Martedì: colazione: un bicchiere di latte di riso e due gallette di riso con due cucchiaini di marmellata di pesche, oppure un caffè d’orzo e tre biscotti di riso, oppure un tè e uno yogurt magro con 3-4 cucchiai di riso soffiato. Spuntino (metà mattina e metà pomeriggio): un frutto fresco oppure due palline di gelato di riso oppure un bicchiere di succo di frutta senza zucchero. Pranzo: risotto alla zucca (50 g) con due cucchiaini di parmigiano grattugiato, melanzane e zucchine grigliate, un frutto. Cena: 250 g di gamberi sgusciati al vapore con 40 g di riso basmati, insalata mista a piacere.

Mercoledì colazione: un bicchiere di latte di riso e due gallette di riso con due cucchiaini di marmellata di pesche, oppure un caffè d’orzo e tre biscotti di riso, oppure un tè e uno yogurt magro con 3-4 cucchiai di riso soffiato. Spuntino (metà mattina e metà pomeriggio): un frutto fresco oppure due palline di gelato di riso oppure un bicchiere di succo di frutta senza zucchero. Pranzo: risotto con zafferano e zucchine (50 g) e due cucchiaini di parmigiano grattugiato, insalata mista con pomodori, sedano e cetrioli a volontà, un frutto. Cena: 80 g di formaggio morbido, 200 g di pomodorini, 40 g di cracker di riso.

Giovedì: colazione: un bicchiere di latte di riso e due gallette di riso con due cucchiaini di marmellata di pesche, oppure un caffè d’orzo e tre biscotti di riso, oppure un tè e uno yogurt magro con 3-4 cucchiai di riso soffiato. Spuntino (metà mattina e metà pomeriggio): un frutto fresco oppure due palline di gelato di riso oppure un bicchiere di succo di frutta senza zucchero. Pranzo: riso integrale al radicchio (50 g), zucchine saltate in padella. Cena: verdure in pinzimonio, 100 g di bresaola condita con rucola, grana e succo di limone, melanzane alla griglia, due gallette di riso.

Venerdì: colazione: un bicchiere di latte di riso e due gallette di riso con due cucchiaini di marmellata di pesche, oppure un caffè d’orzo e tre biscotti di riso, oppure un tè e uno yogurt magro con 3-4 cucchiai di riso soffiato. Spuntino (metà mattina e metà pomeriggio): un frutto fresco oppure due palline di gelato di riso oppure un bicchiere di succo di frutta senza zucchero. Pranzo: una porzione di pasta di riso (60 g) condita con funghi trifolati, verdure miste alla griglia, un frutto piccolo. Cena: 200 g di merluzzo al vapore insaporito con aromi a piacere, 40 g di riso basmati, peperoni, pomodori e cipolle stufati.

Sabato: colazione: un bicchiere di latte di riso e due gallette di riso con due cucchiaini di marmellata di pesche, oppure un caffè d’orzo e tre biscotti di riso, oppure un tè e uno yogurt magro con 3-4 cucchiai di riso soffiato. Spuntino (metà mattina e metà pomeriggio): un frutto fresco oppure due palline di gelato di riso oppure un bicchiere di succo di frutta senza zucchero. Pranzo: 20 g di riso selvaggio con 30 g di riso bianco condito con pomodorini freschi, origano e un cucchiaino di granella di mandorle, insalata mista a volontà. Cena: 50 g di riso integrale in insalata con due uova sode, verdure saltate a volontà.

Domenica Colazione: un bicchiere di latte di riso e due gallette di riso con due cucchiaini di marmellata di pesche, oppure un caffè d’orzo e tre biscotti di riso, oppure un tè e uno yogurt magro con 3-4 cucchiai di riso soffiato. Spuntino (metà mattina e metà pomeriggio): un frutto fresco oppure due palline di gelato di riso oppure un bicchiere di succo di frutta senza zucchero. Pranzo: 50 g di risotto condito con speck (60 g), insalata mista a piacere. Cena: pizza di riso (lessate 100 g di riso, stendetelo in una pirofila, condite con due cucchiai di pomodoro, origano, 100 g di mozzarella. Passate in forno cinque minuti). Infine come sempre nelle nostre diete raccomandiamo di chiedere il parere del proprio medico o di uno specialista prima di seguire qualsiasi regime alimentare dietetico soprattutto se si soffre di varie patologie come il diabete o l’ipertensione.