#PalermoChiamaItalia

Strage Capaci, il 23 maggio 70 mila studenti contro le mafie

Il 23 maggio

Strage Capaci. Saranno oltre 70.000 gli studenti che il prossimo 23 maggio parteciperanno alla manifestazione #PalermoChiamaItalia per dire in coro, a gran voce, "no a tutte le mafie" e per ricordare gli attentati in cui persero la vita i giudici Paolo Borsellino, Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e gli agenti delle loro scorte Agostino Catalano, Walter Eddie Cosina, Rocco Dicillo, Vincenzo Li Muli, Emanuela Loi, Antonio Montinaro, Vito Schifani, Claudio Traina.

La manifestazione e' promossa dal 2002 dal Ministero dell'Istruzione, dell'Universita' e della Ricerca (MIUR) e dalla Fondazione Falcone e si svolge sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica e con il Patrocinio del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati. Le principali iniziative legate alla commemorazione saranno il 23 maggio a Palermo, nel giorno dell'anniversario della strage di Capaci. "Quella che vedremo il 23 maggio a Palermo e in centinaia di istituti in tutta Italia sara' una 'scuola viva'. Animata dall'insegnamento di importanti servitori del nostro Stato che hanno dato la vita per liberare il loro Paese dalla mafia, come Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

E da valori di giustizia e di rispetto che devono trovare concretezza nella nostra quotidianita'", spiega il Ministro dell'Istruzione, dell'Universita' e della Ricerca, Marco Bussetti. "Nessuno di noi - racconta Maria Falcone, Presidente della Fondazione Falcone -, quel 23 maggio di 27 anni fa avrebbe immaginato che un giorno tragico, un giorno di dolore e lutto, sarebbe stato l'avvio di una trasformazione profonda del nostro Paese, l'inizio di un percorso che migliaia di studenti, migliaia di persone hanno da allora intrapreso portando avanti le idee di Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Paolo Borsellino e di tutti gli uomini e le donne dello Stato che sono morti per mano della mafia".

(ITALPRESS)