Calcio

Milan. Gattuso: pensiamo a fare il nostro e poi si vedrà

Ci proviamo

"Se possiamo vincere le prossime tre partite? Ci proviamo, dobbiamo farci trovare pronti e cosi' ce la possiamo giocare con tutti. Poi vediamo dove arriveremo". Rino Gattuso sa che nella corsa a un posto in Champions, il Milan non e' piu' padrone del suo destino.

I rossoneri, pero', non possono commettere passi falsi, a partire dalla trasferta di domani al "Franchi", senza pensare a quello che succedera' fra Atalanta e Genoa. "Il Genoa si sta giocando qualcosa di importante e negli ultimi anni nel calcio italiano tutte le squadre si giocano tutto, nessuno regala niente. Noi pensiamo a fare il nostro, ci aspetta una partita molto difficile, e' dal 2014 che il Milan non vince a Firenze. La Fiorentina non vince da tantissimo tempo ma crea grandi pericoli, ha davanti giocatori molto veloci, bravi tatticamente e c'e' da fare una grandissima partita a livello mentale, fisico e tecnico".

"Qualcuno vuol far passare questa stagione per deludente ma siamo davanti alla Lazio e a pari punti con la Roma: a inizio stagione nessuno se lo aspettava ma dobbiamo continuare perche' ci stiamo giocando qualcosa di importante - ha aggiunto ancora Gattuso - Fiducia Scaroni? Non ho bisogno di essere accarezzato, le carezze non mi piacciono. A me piace stare dove c'e' bordello, dove c'e' aria tesa mi sento a mio agio. In questo momento le carezze bisogna farle ai giocatori, per farli rendere al massimo, quello che succedera' a me passa in secondo piano.

Io penso a mettere una squadra competitiva in campo, il resto viene di conseguenza".

(ITALPRESS)