Ancora una giovane vita spezzata

Scicli sgomenta, "Adesso Angelo è un vero angelo"

Tanti i messaggi di cordoglio degli amici

Scicli è sgomenta per la morte di un ragazzo, l'ennesima giovane vita spezzata troppo presto e questa volta proprio mentre svolgeva il suo lavoro nei campi. Le speranze che i medici dell'Ospedale Cannizzaro di Catania riuscissero a strapparlo alla morte si sono spente già ieri sera quando è arrivata la tragica notizia: troppo gravi le lesioni riportate nell'incidente, Angelo non poteva farcela.

Il ragazzo, Angelo Carbone, appena 21enne, è stato travolto dalla fresa del trattore che guidava un amico, forse si è avvicinato troppo al mezzo agricolo e le ferite riportate gli sono state fatali. Sulla tragedia stanno indagando i Carabinieri, che sono al lavoro per stabilire l'esatta dinamica dei fatti. Sul profilo di Angelo, in queste ore sono tantissimi i messaggi di cordoglio che gli amici più cari hanno voluto pubblicare, tra questi c'è quello di Andrea, che con Angelo aveva un rapporto fraterno. Andrea annuncia di volere aderire all'AIDO (Associazione italiana donazioni organi) e di volere tatuare sulla sua pelle la 'A' di Angelo che adesso è veramente diventato un angelo.

"Qui giù non sarà più la stessa cosa - scrive Andrea - ma lassù si è arricchito il paradiso ancora una volta. Salutami chi di importante è lì in questo momento. Un giorno tu e Dio mi dovrete spiegare perché l'avete fatto senza alcun avviso".  

 
Commenta la News