Economia

Zone Economiche Speciali, Piazza vuole incontrare i sindaci iblei

Di comune accordo con l'On. Orazio Ragusa

0

0

0

0

0

Zone Economiche Speciali, Piazza vuole incontrare i sindaci iblei Zone Economiche Speciali, Piazza vuole incontrare i sindaci iblei

Il Commissario straordinario del Libero Consorzio di Ragusa, Salvatore Piazza ha indetto una riunione con tutti i sindaci dei comuni iblei, allargata anche agli assessori e ai dirigenti allo Sviluppo Economico, per affrontare la problematica sulle Zone Economiche Speciali. L’incontro è fissato per lunedì 13 maggio 2019 alle ore 10 nella Sala Giunta del Palazzo della Provincia.

L’incontro nasce d’intesa col presidente della Commissione ‘Attività Produttive’ dell’Ars, on. Orazio Ragusa, e con la partecipazione del dirigente Affari generali e istituzionali dell’Autorità di gestione del porto di Augusta, Massimo Scatà. “Nell’ottica di un’auspicabile sinergia istituzionale – dice Piazza - e di concerto con l'On. Ragusa, ho ritenuto di organizzare un momento di conoscenza e approfondimento della normativa riguardante le Zone Economiche Speciali e degli indirizzi stabiliti dalla Presidenza della Regione Siciliana. Ritengo opportuno che in una Regione a Statuto speciale come la Sicilia l’attrattiva delle Zes con particolari benefici e semplificazioni rispetto al regime ordinario di credito di imposta al Sud, potrebbe essere maggiore e quindi appare opportuno cogliere questa occasione per rilanciare il tessuto socioeconomico della provincia di Ragusa, sfruttando le potenzialità del porto di Pozzallo.

 

0

0

0

0

0

Zes
Incontro
Sindaci
Commenti
Zone Economiche Speciali, Piazza vuole incontrare i sindaci iblei
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Il Cioccolato di Modica al Tutto Food di Milano
News Successiva
Canapar, prende le distanze dagli illeciti che danneggiano il settore