Incendio doloso nei pressi del cimitero

Ispica, dopo l'incendio alla Peonia si chiede videosorveglianza

A chiedere le telecamere il Circolo Kennedy del PD

Ha riaperto ieri il chiosco della Peonia, nel parcheggio del Cimitero di Ispica. Il chiosco era stato distrutto da un incendio doloso nella notte fra domenica e lunedì scorsi. Sulla vicenda interviene il Circolo “Kennedy” del Partito Democratico di Ispica che esprime il massimo di solidarietà alla famiglia Rizza che conduce l’attività commerciale.

È in particolare degna di apprezzamento la pronta ricostruzione del chiosco che denota un comportamento esemplare dei titolari che il Pd indica a modello di coraggio e di impegno e resistenza civile per l’aperta sfida ai piromani che difficilmente sono inquadrabili come balordi. Già in precedenza i fiorai del Cimitero avevano subito piccoli avvertimenti come la sigillatura delle serrature con l’attack. Per non parlare dei continui furti con scasso nelle auto dei visitatori, in sosta nel parcheggio del Cimitero. “Alla luce di tutto questo - dice Roberto Luca, segretario del Circolo “Kennedy” - riteniamo non più rinviabile l’installazione di video-camere di sorveglianza per tutelare gli operatori commerciali che sono insediati nel parcheggio e i visitatori che sempre più frequentemente subiscono furti con notevoli danni alle autovetture.

La videosorveglianza scoraggerebbe anche il deposito di spazzatura nel parcheggio del Cimitero, altro disagio lamentato dai commercianti e dagli assidui visitatori. Ci facciamo carico della proposta – prosegue il segretario democratico - contando nella sensibilità del sindaco e dell’Amministrazione comunale rispetto a fenomeni che nulla hanno a che fare con la tradizione e la pacifica convivenza degli ispicesi”. 

 
Commenta la News