Roma

Rifiuti plastici in mare, pescatori Fiumicino ne raccolgono 1 tonnellata

In sole 4 settimane

In sole 4 settimane dalle reti dei pescatori di Fiumicino, ad una distanza compresa tra 3 e 14 miglia dalla costa e dai 16 ai 120 metri di fondale, sono emersi una tonnellata di rifiuti plastici.

Si tratta per il 22% di tubi di gomma, 17% film in plastica, 16% reti da pesca e da cantiere, 15% bottiglie in plastica, 14% stracci e corde in canapa, 16% altro: acciaio, materiale organico, tetrapak, alluminio. Sono i primi risultati del progetto sperimentale "Fishing for litter" presentati da Regione Lazio, Corepla e Arpa Lazio. Le zone di pesca dove i 12 pescherecci coinvolti hanno recuperato le plastiche vanno da Capo Linaro a Capo D'Anzio, per una distanza pari a 64 miglia marine. "Siamo la prima regione italiana ad avviare questo progetto su larga scala: nelle prossime settimane verra' esteso a tutta la flotta di Fiumicino e di Civitavecchia per arrivare poi anche al porto di Gaeta" dichiara Massimiliano Valeriani, assessore al Ciclo dei Rifiuti della Regione Lazio.

"Basta un gesto per fare la differenza: crediamo infatti che un'efficiente sistema di raccolta differenziata e circuiti virtuosi di riciclo siano i veri motori dell'economia circolare" sottolinea Antonio Protopapa, direttore Ricerca e Sviluppo di Corepla.

(ITALPRESS)