Roma

Propensione al risparmio delle famiglie sale a 8,1%

Dati Istat

Dopo quattro anni di calo, nel 2018 la propensione al risparmio delle famiglie sale all'8,1% e il loro potere d'acquisto aumenta dello 0,9% rispetto all'anno precedente. E' quanto emerge dai dati Istat relativi al Report sui conti nazionali.

La spesa per consumi, in termini correnti, aumenta dell'1,6%, in decisa decelerazione rispetto al 2017 (+2,7%) e con una dinamica inferiore a quella del reddito disponibile (+1,9%). A favorire la crescita di quest'ultimo sono state le retribuzioni (+2,9% rispetto al 2017) e le prestazioni sociali ricevute (circa 7,9 miliardi in piu' dell'anno prima). Nel periodo compreso fra le crisi del 2009 e del 2012, la propensione al risparmio delle famiglie era crollata dall'11,2 al 7,1%, accelerando una discesa gia' presente a partire dal 2005. Se dal 2005 al 2009 la sua riduzione era stata sospinta da un aumento della spesa per consumi finali (+1,9% in media sul periodo) piu' intensa rispetto all'incremento del reddito disponibile (+1,5% in media), nel periodo 2009-2012 si e' assistito nel complesso a una crescita moderata dei consumi (+1,4% in media sul periodo) a fronte di una sostanziale stabilita' del reddito disponibile (-0,1% in media).

A partire dalla crisi del 2012, quando era diminuito del 5,3%, il potere d'acquisto cresce del 3,8% nell'arco dell'intero periodo, non riuscendo tuttavia a recuperare i livelli pre-crisi.

(ITALPRESS)