Tasse, pensioni, immigrazione

Governo: Salvini pagare meno tasse fondamentale, Tav spero si faccia

I temi affrontati dal vice premier Salvini

Tasse, pensioni, immigrazione. Tutti i temi del momento sono stati affrontati dal vice premier Matteo Salvini a "Non e' l'Arena" su La7. Primo argomento le pensioni: "Se comincio adesso ad abolire la legge Fornero non mi arrendo fino a quando non sara' abolita del tutto.

Cancellarla significa restituire futuro ai giovani". Poi flat tax e la riduzione delle tasse. "Pagare meno tasse per famiglie e imprese e' fondamentale, non e' la richiesta della Lega ma dell'Italia, non e' un capriccio di Salvini ma qualcosa che serve agli italiani" osserva il ministro degli Interni. Non e' mancato, nell'intervista rilasciata in tv a Giletti, un passaggio sull'immigrazione: "Al Mef c'e' qualcuno che aspetta il permesso dell'Unione europea, ma dico che se sull'immigrazione avessi aspettato il permesso dell'Ue avremmo ancora avuto 200 mila sbarchi".

Parlando della nave Alan Kurdi della Ong Sea Eye che si trova a largo di Malta ha precisato: "Il mio obiettivo e' salvare vite, questa nave non arrivera' in Italia. I governi passati hanno fatto arrivare in Italia via mare 500-700 mila immigrati causando migliaia di morti, io sono orgoglioso non solo di aver quasi azzerato gli sbarchi ma soprattutto aver ridotto il numero di morti". Su Tav la posizione del leader della Lega resta netta: "La Tav spero che si faccia e faro' tutto il possibile perche' si faccia". Nell'intervista non e' mancata una stilettata alla sindaca di Roma Virginia Raggi.

"Roma e' in condizioni difficili, la mettiamo cosi', ormai ci vivo per la maggior parte dei giorni della mia settimana, dai mezzi pubblici alla pulizia delle strade, alle buche ai topi, i romani meritano assolutamente di piu'. Ci sono 300 clan mafiosi che fanno soldi con la criminalita' ambientale e su questo stiamo indagando, ma se a Roma, in alcuni quartieri, alle 10 della mattina ci sono sacchi di immondizia per strada con gabbiani come avvoltoi e topi lunghi cosii', anche il Comune dovrebbe darsi una mossa e fare qualcosa".

(ITALPRESS)