Confagricoltura

Canapa industriale: 15 ettari tra Scicli, Ispica e Santa Croce Camerina

Grazie ad un progetto con Canapar

Confagricoltura Ragusa: 15 ettari di canapa industriale seminati in campi sperimentali tra Scicli, Ispica e Santa Croce Camerina, grazie ad accordo con Canapar. E’questo il risultato dell'accordo tra Confagricoltura Ragusa e la multinazionale italo-canadese Canapar.

La multinazionale, di recente, ha inaugurato proprio a Ragusa il più grande stabilimento in Italia per la produzione di oli essenziali e distillati per uso farmaceutico e cosmetico dalla canapa industriale. Canapar Corp è una società controllata dalla canadese Canopy Rivers, con un investimento di 25 milioni di dollari canadesi. Al progetto hanno dato disponibilità tre aziende agricole per un totale di 15 ettari di coltivazioni. Canapar, guidata dal siciliano Sergio Martines, sta investendo particolarmente sulla Sicilia. Sulla Piana di Catania, grazie a un analogo accordo con Confagricoltura Catania, sono stati seminati 40 ettari.

Da recenti ricerche sulla canapa emerge una maggiore concentrazione di cannabinoidi nella canapa coltivata nelle regioni con maggiore irraggiamento solare, quindi in particolare Sud Italia, Spagna e la zona balcanica. Nella giornata di martedì 2 aprile è stato fatto il punto presso la sede di Confagricoltura a Ragusa. Presenti il presidente dott. Antonino Pirrè, il direttore dott. Giovanni Scucces, la dott.ssa Giuliana Martines per Canapar e il prof. Paolo Guarnaccia per l'Università di Catania. "Si tratta solo di un primo passo in un settore in cui vogliamo continuare a investire coinvolgendo le nostre aziende associate", dichiara il presidente Pirrè. "Sin da subito abbiamo accolto la proposta di Canapar - aggiunge il presidente di Confagricoltura Ragusa - perchè crediamo nell'innovazione, necessaria per uno sviluppo vero e diffuso del territorio".

"Canapar crede molto nel territorio ibleo, non a caso abbiamo aperto il nostro stabilimento a Ragusa", precisa la dott.ssa Giuliana Martines. "Grazie all'accordo con Confagricoltura, stiamo avviando dei campi sperimentali presso alcune aziende associate. L'obiettivo è coinvolgere sempre più aziende sul territorio e iniziamo a registrare un interesse crescente. Infatti la produzione della canapa si può inserire nella rotazione per le aziende orticole che producono, ad esempio, patate o carote". Il prof. Paolo Guarnaccia evidenzia che “la coltivazione della canapa industriale rappresenta un'opportunità per le aziende agricole sia dal punto di vista agronomico che economico, entrando in rotazione con le principali produzioni agricole siciliane”.

"Un'opportunità vera di reddito - aggiunge il professore - che molto può dare alla crescita dell’'economia agricola siciliana".