Cronaca

Incendio in un condominio a Ragusa: salvata una donna

Operazione della Polizia di Stato

Momenti di paura ieri pomeriggio a Ragusa per un incendio in un condominio. E’ accaduto intorno alle ore 14.00, quando è scoppiato un incendio all’interno di un edificio al cui interno erano presenti diverse famiglie.

Primo ad arrivare sul posto un poliziotto dell’Ufficio Volanti, libero dal servizio. L’agente si è immediatamente prodigato per evacuare la palazzina ed allontanare le persone presenti richiedendo l’intervento del personale dei Vigili del Fuoco. All’interno del condominio, invaso completamente da un’intensa coltre di fumo, erano rimaste bloccate una donna con il suo figlio di tre anni ed un’altra donna di sessantaquattro anni. La donna con il bambino è riuscita ad avere accesso per tempo al balcone di casa mentre l’altra donna è rimasta bloccata nel suo appartamento per via delle serrande elettriche bloccate a causa dall’interruzione dell’energia elettrica per via dell’incendio.

Il poliziotto ha cercato da subito di accedere all’interno delle scale per trarre in salvo i malcapitati ma dopo un po’ ha dovuto desistere per via del denso fumo acre che rendeva l’aria totalmente irrespirabile. Nel frattempo sul posto è giunto personale dei Vigili del Fuoco che ha iniziato a domare le fiamme prestando i soccorsi alla famiglia in attesa sul balcone, che è stata tratta in salvo attraverso l’autoscala. Sul posto è sopraggiunto altro personale in servizio di Volante. I poliziotti hanno cercato immediatamente un contatto con l’ultima inquilina che era rimasta bloccata all’interno del suo appartamento sito al terzo piano dell’edificio. Raggiunta telefonicamente, la donna è apparsa molto scossa e in preda al panico. Pertanto gli agenti hanno deciso di provare un ulteriore tentativo.

Nonostante le condizioni proibitive dovute alla visibilità ridotta e all’aria irrespirabile, i tre poliziotti si sono introdotti all’interno dello stabile raggiungendo a fatica l’appartamento della donna. Sono seguiti momenti interminabili durante i quali si è temuto il peggio. La donna infatti non rispondeva ai poliziotti che avevano raggiunto la porta d’ingresso. Gli agenti in più occasioni hanno tentato di abbattere l’ingresso che, essendo blindato ha resistito agli urti. Si è cercato così di contattare la donna telefonicamente. Fortunatamente la donna ha risposto al telefono portandosi verso l’uscio di casa. Aperta la porta, la donna, scossa e in stato di shock, è stata prontamente soccorsa e tratta in salvo dagli agenti che l’hanno condotta presso l’ambulanza del 118 per essere soccorsa.

Nel frattempo l’incendio è stato definitivamente domato. Le fiamme sono partite accidentalmente da un’autovettura parcheggiata all’interno di un box sotterraneo probabilmente per via di una parziale perdita di carburante. Le fiamme poi hanno coinvolto due auto e due ciclomotori presenti all’interno. Gli accertamenti tecnici condotti dal personale dei Vigili del Fuoco hanno escluso poi la presenza di danni strutturali tali da non consentire l’abitabilità dell’edificio. Al termine dell’attività di soccorso i malcapitati sono stati rincuorati dagli agenti che anneriti dal fumo hanno ricevuto le cure del caso per via del fumo inalato.