Cronaca

Rapina a Ragusa, 60enne aggredito mentre depositava 14.000 euro in banca

La vittima del colpo ha un trauma cranico

0

0

0

0

0

Rapina a Ragusa, 60enne aggredito mentre depositava 14.000 euro in banca Rapina a Ragusa, 60enne aggredito mentre depositava 14.000 euro in banca

Un sabato sera da dimenticare quello di ieri per un 60enne ragusano titolare di un supermercato che, alla fine della giornata lavorativa, è andato a depositare l’incasso presso la cassa continua della Banca Popolare di Ragusa in Via Archimede. Ad attenderlo due malviventi che ieri sera lo hanno aspettato vicino alla banca e lo hanno subito aggredito impedendogli di depositare la cassetta.

“Indossavano dei caschi e mi hanno subito spinto e colpito in testa con un oggetto contundente, mi hanno strappato la cassetta dalle mani e sono scappati a bordo di uno scooter”. Questa è stata la ricostruzione dei fatti fornita ai Carabinieri dal malcapitato ancora sanguinante per la ferita in testa. Un bottino di tutto rispetto quello che i due hanno portato via, ben 14.000 euro, ed una lesione non da poco quella della vittima che, soccorsa dal 118 e visitata presso l’Ospedale “Giovanni Paolo II” di Ragusa, ha riportato un trauma cranico con ferita lacero contusa guaribile in 10 giorni. Sulla rapina indaga il N.O.R. della Compagnia di Ragusa che, dopo aver effettuato i rilievi tecnico-scientifici sul posto, sta raccogliendo tutti gli elementi che possono essere utili al proseguimento delle indagini ed all’individuazione degli autori della rapina.

 

0

0

0

0

0

RapinaRagusa60enneAggreditoMentreDepositavaEuroBanca
Commenti
Rapina a Ragusa, 60enne aggredito mentre depositava 14.000 euro in banca
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Incidente a Modica: coinvolte due auto e un autocarro FOTO
News Successiva
Grave incidente a Modica, 2 feriti: uno rischia amputazione