Roma

Nuoto: Bortuzzo nessun rimpianto e nessun odio, doveva capitare

"Io stavo vivendo la mia vita"

Manuel Bortuzzo: "Come ho detto un sacco di volte, io stavo vivendo la mia vita, ero felice, felicissimo, non stavo facendo niente per andare incontro a una cosa simile. Quindi questa cosa doveva semplicemente succedere: non rimpiango di non aver fatto qualcosa di diverso, perche' stavo facendo quello che mi sentivo di fare. Quindi a posto cosi'".

Lo ha dichiarato Manuel Bortuzzo, nuotatore ferito nella notte tra sabato 2 e domenica 3 febbraio a Roma. "Nessun odio da parte mia? E' il mio carattere. Conosco persone che se la sono presa a morte con chi gli ha creato il danno, invece c'e' gente come me che ci passa sopra e pensa a se' stesso e a recuperare in fretta, perche' quello che voglio e' tornare tra i miei ragazzi normalmente" ha aggiunto il veneto nell'incontro con la stampa organizzato presso il Centro Federale della Fin di Ostia. "Perdonare i miei aggressori? Non e' un fatto di perdonare o meno.

Io semplicemente non do loro nessun peso, li lascio perdere. Loro avranno le loro conseguenze e anche queste non mi interessano. Perche' il problema non sono loro due, ma il genere, il tipo di persone, il contesto sociale. Come loro due ce ne sono tanti altri: quindi non serve prendere di mira loro. Piuttosto bisogna fare qualcosa per tutti gli altri".

(ITALPRESS)