Roma

Aereo caduto, Procura di Roma apre un'inchiesta

Il procedimento è al momento senza indagati e senza ipotesi di reato

La Procura di Roma ha aperto un fascicolo sulla morte degli otto italiani nel disastro aereo del Boeing 737 della Ethiopian Airlines. Il procedimento e' al momento senza indagati e ipotesi di reato.

Nell'incidente, avvenuto poco dopo il decollo dall'aeroporto di Addis Abeba, hanno perso la vita l'archeologo di fama internazionale e assessore regionale in Sicilia, Sebastiano Tusa; il presidente della Ong Link 2002, Paolo Dieci; tre volontari dell'associazione bergamasca Africa Tremila: il presidente Carlo Spini e la moglie Gabriella Viciani, toscani di San Sepolcro, e il tesoriere dell'associazione, il commercialista di Bergamo Matteo Ravasio; e tre donne impegnate in attivita' legate ad Agenzie Onu: Virginia Chimenti, Rosemary Mumbi e Maria Pilar Buzzetti.

(ITALPRESS)