Operazione dei carabinieri

Camorra: tangenti ed estorsioni a Ferentino, 5 arresti

Arrestati con l'accusa di estorsione aggravata dal metodo mafioso

I Carabinieri hanno arrestato cinque persone tra la provincia di Roma e Frosinone, con l'accusa di estorsione, aggravata dal metodo mafioso, ai danni di un giovane imprenditore di Tivoli. L'indagine, ha fatto emergere come un pubblico amministratore locale, per convincere l'imprenditore tiburtino a pagare una ingente somma di denaro, in seguito ad un appalto di circa 6 milioni di euro che si era aggiudicato, utile alla costruzione ed alla gestione di loculi presso il cimitero del comune di Ferentino, si era rivolto a personaggi legati ad un clan camorristico di Napoli centro, stanziati a Roma, che hanno agito sfruttando la forza di intimidazione del clan, mediante l'uso di armi e perfino mediante veri e propri raid nella sede dell'azienda.

(ITALPRESS)