Roma

Cinema: Luchetti dirige Pif ritratto cubista uomo medio

in sala dal 14 marzo

Sara' in sala dal 14 marzo, distribuito da 01 Distribution in 360 copie, il nuovo film di Daniele Luchetti, Momenti di Trascurabile Felicita', con Pif, Thony e Renato Carpentieri, liberamente tratto da "Momenti di trascurabile felicita'" e "Momenti di trascurabile infelicita'" di Francesco Piccolo, co-autore della sceneggiatura insieme a Luchetti.

Oltre al regista e il cast, a presentare il film anche i produttori Paolo del Brocco per Rai Cinema e Beppe Caschetto. Come fare un film da un libro dalla struttura aforistica? "Anche noi ci chiedevamo come farlo e avrei voluto che lo scrivesse un altro - dice Piccolo - Daniele invece ha voluto me. Ho pensato di starci anni e invece devo dire che in poco tempo ci e' venuta l'idea di dare una forza propulsiva a questi frammenti di vita, attraverso l'idea di poter vivere ancora un'ora e 32 minuti. Questo permetteva di mettere questi momenti di trascurabile felicita' e infelicita' a confronto con la morte". Aggiunge Luchetti: "il libro era pieno di cose piccole e brillanti. Come potevamo farle fruttare? Mettendole a confronto con le cose importanti della vita di una persona come la sua morte e il bilancio che si fa prima di morire. Il risultato e' un film che potrei definire il ritratto cubista di un uomo medio".

Pif nel film e' Paolo, l'anaffettivo e immaturo protagonista. L'attore e regista parla delle sue somiglianze e differenze con il personaggio che interpreta: "io sono piu' bacchettone e moralista del mio personaggio. Pero' e' questa la potenza del film: nonostante io sia molto diverso da lui e abbia passato il film a pensare a quanto Paolo fosse superficiale e stupido, alla fine del film dico, io mi ci rivedo".

(ITALPRESS)