Fermato dalla Polizia di Stato

Vittoria, tenta di dar fuoco a tunisini: pregiudicato arrestato

Minaccia con pistola

Gli agenti della Squadra Mobile di Ragusa e del Commissariato di Vittoria hanno arrestato I.A. di anni 41, noto alla Polizia Giudiziaria per furto aggravato, rapina, detenzione ai fini dello spaccio di sostanza stupefacente, danneggiamento, favoreggiamento, lesioni dolose, minaccia aggravata, associazione per delinquere di stampo mafioso e già sorvegliato speciale della P.S. per la sua pericolosità sociale.

Alle ore 13.00 di domenica personale della Polizia di Stato interveniva per la segnalazione di un uomo armato di pistola che inseguiva un gruppo di tunisini. Chi aveva chiesto aiuto alla Polizia descriveva il soggetto riferendo che era uscito da un bar gestito da un tunisino in Via Roma a Vittoria. Le immediate ricerche in zona permettevano di individuare il soggetto che nel contempo si era dato alla fuga. Dopo ore di attività di Polizia, gli investigatori della Squadra Mobile e del Commissariato di Vittoria rinvenivano anche la pistola, poi risultata essere giocattolo ma esattamente identica a quelle in uso alle forze di polizia. Il soggetto giustificava il suo gesto riferendo agli agenti di aver perso la testa perché era stato, a suo dire, truffato da un tunisino che frequenta il bar e dopo aver litigato con quest’ultimo colpendolo con alcuni schiaffi, ha estratto la pistola puntandola alla tempia minacciandolo di morte.

Tutto il gruppo di tunisini presente si dava alla fuga ed alcuni chiamavano la Polizia che subito interveniva. Dopo ore di attività, alle ore 18.00 circa di domenica il soggetto doveva essere rilasciato in quanto le norme (minacce gravi) del codice penale non consentivano il suo arresto anche se il soggetto annoverava precedenti penali di ogni tipo. Nonostante le promesse fatte agli uomini della Polizia di Stato di non proseguire nel suo intento, il pericoloso soggetto meno di un’ora dopo si ripresentava al bar di via Roma con il pretesto di farsi restituire il telefono cellulare che, a dire di tutti i presenti, non aveva lasciato li, forse lo aveva smarrito durante la fuga prima di essere bloccato o, con molta probabilità era solo una scusa.

Al diniego da parte dei tunisini presenti, l’uomo, ormai privo della pistola giocattolo sottoposta a sequestro poche ore prima, tirava fuori dalla giacca due bottiglie piene di benzina cospargendo il pavimento ed alcuni presenti rimasti impietriti. All’interno del bar tutti i presenti si facevano prendere dal panico tentando di scappare ma l’uomo li bloccava intimando loro di restituire il telefono altrimenti avrebbe dato fuoco a tutti, brandendo un accendino. Alcuni avventori avevano già chiamato la Polizia che pochi istanti dopo interveniva al bar. Nelle more dell’arrivo, alcuni avventori si gettavano addosso al criminale tentando di strappare l’accendino dalle mani ma solo l’intervento della Volante riusciva a riportare la calma. Nonostante la presenza degli agenti, il pericoloso criminale, per darsi alla fuga, si scagliava contro i poliziotti ferendone e minacciandone due ma veniva comunque neutralizzato e condotto presso il Commissariato di Vittoria.

Gli investigatori della Squadra Mobile subito intervenuti e gli agenti del Commissariato, hanno ricostruito l’intera vicenda che ha messo in evidenza la spiccata pericolosità del soggetto. In questa seconda fase di recrudescenza della condotta criminale, il vittoriese ha posto in essere reati che permettevano l’arresto difatti dopo poche ore dal secondo episodio delittuoso, l’uomo è stato condotto in carcere. “La Polizia di Stato di Ragusa, in due riprese, è dovuta intervenire per arginare la pericolosissima condotta di un soggetto già noto per la sua spiccata inclinazione a delinquere. Solo il tempestivo e provvidenziale intervento degli uomini della Squadra Mobile e del Commissariato di Vittoria ha permesso di evitare il peggio”. 

 
Commenta la News