Consigliere pentastellato lancia appello all'Amministrazione comunale

Emergenza parcheggi a Ragusa Ibla

A lanciare l'allarme il consigliere Sergio Firrincieli

L’incombere della bella stagione e l’aumento delle presenze turistiche riporta al centro dell’attenzione la questione dei parcheggi e della viabilità in generale nel quartiere barocco di Ibla. A lanciare l’allarme il consigliere pentastellato Sergio Firrincieli secondo il quale “la programmazione legata alla nuova stagione turistica impone la necessità di adottare soluzioni indifferibili e urgenti.

Per il quartiere barocco di Ibla, dove tra non molto sarà aperto al pubblico anche il museo archeologico all’ex convento di Santa Maria del Gesù, quindi un ulteriore motivo di attrazione per turisti e visitatori, la questione parcheggi rischia di rasentare l’emergenza. “Ecco perché invitiamo l’amministrazione a convocare gli attori interessati attorno a un tavolo così da definire un percorso sostenibile con la necessità di garantire spazi a tutti visto che le aree di sosta nella zona risultano essere insufficienti”. Il consigliere grillino si rifà ai dati di uno studio realizzato dal comitato ViviIbla che ha voluto puntare i riflettori proprio sull’annosa questione. “dallo studio emerge che gli stalli autorizzati sono 1.044 e 557 tra questi risultano riservati ai residenti, in pratica il 39% del totale nelle cosiddette strisce gialle.

Sempre dalle elaborazioni fatte del comitato, ammontano a 53 i pass per gli operatori commerciali, a 193 per il personale dipendente, di cui 96 sono occupati nelle strutture ricettive esistenti. Ci rendiamo conto che la situazione è tutt’altro che semplice e, soprattutto, le soluzioni non si possono trovare dietro l’angolo. Ma è necessario programmare un piano a media e a lunga scadenza per mettere in piedi tutta una serie di progetti che garantiscano di venire fuori da questa situazione caotica che, altrimenti, Ibla si vedrà costretta a rivivere. In questa direzione, anche l’intensificazione dell’utilizzo dei servizi pubblici potrebbe rappresentare una soluzione tampone.

Ma tutto, prima, dovrà passare dal tavolo di confronto con gli attori interessati, iniziando dal comitato dei residenti ai componenti del centro commerciale naturale Antica Ibla. Quello della mobilità nel quartiere antico della nostra città diventa una scommessa cruciale e fondamentale per la crescita”. (da.di.)