Evento formativo per i commercialisti

Rottamazione e pace fiscale, incontro a Ragusa

Relatore Rosanna Acierno

Proseguono gli eventi formativi programmati per il 2019 dall’Associazione nazionale commercialisti di Ragusa. Martedì 19 febbraio, dalle 9 alle 13, nella sala Avis di via della Solidarietà a Ragusa, sarà la dottoressa Rosanna Acierno a fare “Il punto sulla rottamazione e pace fiscale – Gli strumenti deflattivi del contenzioso tributario”.

Acierno, dottore commercialista in Roma, si occupa principalmente di contenzioso tributario e formazione professionale a commercialisti e avvocati in materia di accertamento, contenzioso e riscossione. E’ autrice di numerosi volumi e articoli in materia tributaria e societaria e collabora assiduamente con il quotidiano Il Sole 24 ore e con altre riviste del gruppo. Il decreto pace fiscale ha introdotto la possibilità per i contribuenti di aderire ad una nuova definizione agevolata chiamata rottamazione ter dei debiti affidati all’Agente della riscossione (ex Equitalia). Con la rottamazione ter i contribuenti potranno definire i debiti affidati all’Agenzia delle Entrate riscossione tra il 2000 ed il 2017 senza sanzioni ed interessi di mora. Possono accedere alla nuova definizione agevolata 2018 e quindi hanno diritto alla presentazione della domanda, coloro i quali hanno carichi affidati all’Agente della riscossione per il periodo che va dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2017.

Possono inoltre aderire alla rottamazione ter i soggetti che avevano già aderito: alla “prima rottamazione” cioè la definizione agevolata prevista dal D.L. n. 193/2016, ma sono decaduti per non aver versato tempestivamente ed integralmente le rate del piano di definizione; alla “rottamazione-bis”, vale a dire la definizione agevolata prevista dal D.L. n. 148/2017, ma nel solo caso in cui risultino integralmente saldate, entro il 7 dicembre 2018, tutte le rate in scadenza nei mesi di luglio, settembre e ottobre 2018. Qualora il debitore non abbia pagato le rate scadute entro il 7 dicembre non potrà più aderire alla definizione agevolata 2018.