La campagna lanciata dal Ministro dell'Ambiente

Plastic Free Challenge Ragusa, mozione dei 5 Stelle

Approvata dal Consiglio comunale

Presentata dai consiglieri 5 stelle di Ragusa ed approvata dal civico consesso la mozione con cui si impegna Sindaco e Giunta ad aderire alla campagna “Plastic free challenge” lanciata dal ministro dell’Ambiente.

Spiega il consigliere Alessandro Antoci, primo firmatario della mozione “l’amministrazione comunale si adopererà a predisporre ogni azione necessaria affinché nelle sedi comunali e competenza siano eliminati tutti gli articoli in plastica monouso, con particolare riguardo a quelli legati alla vendita (diretta o per mezzo di distributori automatici) e alla somministrazione di cibi e bevande. Si tratta di un percorso con obiettivi precisi individuati, monitorati e relazionati per ogni anno, al fine di ridurne al minimo l’utilizzo, sino alla completa eliminazione della plastica all’interno dell’istituzione Comune.

Per di più, il Comune si è impegnato a promuovere una campagna di informazione e di sensibilizzazione per tutti i dipendenti dell’ente, nelle scuole e nelle aziende-cooperative in relazione ad appalti di servizi stipulati con l’amministrazione comunale laddove principalmente si effettua somministrazione di cibi e bevande diretta o indiretta”. Il consigliere Antoci ricorda poi in proposito che già “l’ufficio di presidenza del Parlamento europeo, ad esempio ha di recente deciso di mettere al bando, a partire dalla prossima legislatura, giugno 2019, le bottigliette di plastica degli edifici dell’Europarlamento di Bruxelles e Strasburgo. La commissione europea, inoltre, ha di recente emanato una serie di disposizioni per mettere al bando la plastica monouso.

Ecco perché, cogliendo lo spunto proveniente dal ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, che ha lanciato la sfida “Plastic free challenge”, ponendo come primo obiettivo quello di liberare dalla plastica il ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio a partire dagli articoli monouso, abbiamo ritenuto opportuno che il Comune aderisse a questa iniziativa. Il messaggio lanciato dal ministero è che “ogni cittadino, in termini anche ambientali, deve dare qualcosa a questo Paese”. E, in primis, le istituzioni che devono essere esempio di comportamenti virtuosi. Ringrazio i consiglieri del mio gruppo consiliare che hanno subito aderito convintamente sottoscrivendo la mozione e tutti i consiglieri che in aula l’hanno votata facendo sì che la stessa venisse esitata favorevolmente”.

L’adesione alla campagna “Plastic free” avviene in maniera molto semplice, scrivendo una mail all’indirizzo plasticfree@minambiente.it. Le nuove regole prevedono il divieto di commercializzare alcuni prodotti di plastica, la riduzione del consumo, obblighi per i produttori, nuovi obiettivi di raccolta, prescrizioni riguardanti l’etichettatura e misure di sensibilizzazione nei confronti dei consumatori. (da.di.)