Benessere

Dieta dei 4 giorni, sazia e fa dimagrire: esempio menù

Ecco cosa si mangia

La dieta che sazia permette di dimagrire di circa 2 kg in quattro giorni. Si basa sul consumo di pesce, insalata e tanta frutta tra cui kiwi e ananas. Ecco l’esempio di menù dei quattro giorni. La colazione è sempre la stessa con una spremuta di pompelmo o di arancia e due fette biscottate integrali con un velo di marmellato.

Primo giorno: 80 grammi di riso con pomodoro fresco, un’insalata mista e due fette di ananas. Cena: 150 gr di filetto alla griglia, 200 gr di pomodori in insalata, una mela. Secondo giorno: pranzo con 80 gr di riso con zucchine, 200 gr di carote, 1 pera. Cena: 150 gr di pesce spada ai ferri, insalata di finocchi, 125 gr di fragole. Terzo giorno: pranzo con una porzione di petto di pollo alla griglia, 150 gr di melanzane arrosto, 2 mandarini. Cena: carpaccio di manzo 150 gr, insalata di rucola e radicchio 150 gr, 2 kiwi. Quarto giorno: pranzo con 60 grammi di riso con asparagi, 250 gr di radicchio ai ferri, una mela. Cena: 120 gr di Bresaola con rucola poche scaglie di parmigiano, 150 gr di insalata, 60 gr di panino. Come facciamo sempre in tutte le diete raccomandiamo di consultare il proprio medico o uno specialista prima di cominciare qualsiasi regime alimentare dietetico. Questa dieta non è adatta a chi soffre di diabete o altre patologie. Ecco le altre diete.

Il kiwi è un frutto ricco di vitamina C (85 mg/100 g), potassio, vitamina E, rame, ferro e fibre. L'alto contenuto di potassio e la povertà di sodio rendono il frutto ideale per gli sportivi, poiché diminuisce il rischio di crampi. Rende la pelle più elastica e riduce le rughe, grazie alle vitamine antiossidanti, che contrastano i segni del tempo distruggendo i radicali liberi. Diminuisce i trigliceridi nel sangue, protegge gengive e denti. Giova alla salute dell'occhio, mantenendolo giovane; è consigliato per chi ha problemi di digestione ed aiuta il lavoro dell'intestino come le verdure e le prugne. Contrasta anche l'accumulo di placche nelle arterie. L'apporto calorico è molto basso: 44 kcal per 100 g circa; questo perché è costituito da circa l'84% di acqua, il 9% di carboidrati e da tracce di grassi e proteine.

L'ananas ha un effetto diuretico: combatte la ritenzione dei liquidi ed è un buon digestivo e possiede una azione antinfiammatoria sui tessuti molli. Viene usato nelle terapie contro la cellulite. In cucina viene usato sia per la preparazione di secondi piatti, come il pollo in agrodolce, sia per la preparazione di dolci. Nelle analisi diagnostiche il succo di ananas (assunto per via orale) è utilizzato in radiologia come mezzo di contrasto per gli esami di colangiografia in risonanza magnetica al posto di alcune costose sostanze di sintesi.

Studi scientifici pubblicati a partire dal 2004, verificati nel 2007 e 2012 hanno dimostrato l'efficacia del succo dal punto di vista tecnico medicale. L'esperienza pratica del Policlinico Sant'Orsola di Bologna, dove il succo d'ananas è stato utilizzato continuativamente per due anni, ha altresì evidenziato ottimi risultati sia dal punto di vista dei pazienti che dal punto di vista della spesa. Infatti il succo risulta molto più gradevole del farmaco che veniva utilizzato in precedenza e in tema di spending review è stato possibile rispamiare nel 2014 circa 14.000 euro, contenendo la spesa a poche centinaia di euro all'anno per l'acquisto del succo.