Tragedia di Santa Stefano a Scoglitti

Vittoria, omicidio a Scoglitti: interrogatori in corso

L'omicida si era disfatto dell'arma

Un rumeno di 22 anni non approvava la relazione che la cognata, sorella di sua moglie, aveva instaurato con un vittoriese, Vincenzo Vindigni, 27 anni, pregiudicato. Per questo nel giorno di Santo Stefano si è presentato insieme ad un amico vittoriese a casa del Vindigni a Costa Fenicia in territorio di Scoglitti, per cercare di interrompere quel rapporto che non condivideva.

Vincenzo Vindigni al culmine di una accesa discussione ha impugnato una pistola ed ha fatto fuoco colpendo il cognato della sua ragazza, il romeno Julian Anechiae ed il suo amico Salvatore Ione. I feriti sono scappati cercando di mettersi in salvo e mentre Ione è riuscito a raggiungere la sua abitazione di Scoglitti, Julian è caduto per strada ed è stato un passante a chiamare l’ambulanza del 118. E’ stato l’altro ferito a chiamare un’altra ambulanza per essere soccorso. A chiedere l’intervento dei Carabinieri sono stati i medici del Pronto soccorso del Guzzardi di Vittoria che si sono visti arrivare due feriti da arma da fuoco da due posti diversi.

I militari dopo qualche minuto sono riusciti a capire che si trattava di due episodi collegati. Il giovane rumeno è morto dopo pochi minuti per la gravità delle ferite riportate nello scontro a fuoco, mentre il vittoriese suo amico è stato già dimesso ieri a tarda sera, visto che era stato colpito solo di striscio ad una spalla. L’omicida dopo essersi disfatto dell’arma con cui aveva agito si è presentato alla Compagnia Carabinieri di Vittoria e si è costituito. I militari hanno recuperato l’arma, una pistola modificata, detenuta illegalmente. Questa mattina l’omicida, il ferito, la cognata della vittima, sono stati ascoltati per capire esattamente come siano andati i fatti.

Il pregiudicato vittoriese si trova rinchiuso nel Carcere di Ragusa a disposizione dell’autorità giudiziaria, dovrà rispondere di omicidio volontario e detenzione illegale di armi. Le indagini sono coordinate dal PM Gaetano Scollo.