Conferimento rifiuti

I Comuni iblei conferiranno a Cava dei modicani fino al 31 marzo

Proroga autorizzata dal commissario Piazza

I Comuni iblei potranno conferire i loro rifiuti presso il trattamento meccanico biologico di Cava dei Modicani a Ragusa sino ad un massimo di 146 tonnellate al giorno. Il Commissario straordinario Salvatore Piazza ha firmato un’ordinanza urgente per consentire la prosecuzione temporanea dell’esercizio dell’impianto sino al 31 marzo 2019.

L’ordinanza si è resa necessaria perché l’impianto è in attesa di ricevere dalla Regione siciliana l’Autorizzazione di Impatto Ambientale (le cui prescrizioni sono state fissate in conferenza di servizio lo scorso 22 marzo) e perché l’ordinanza del presidente della Regione che ha consentito il funzionamento dell’impianto è scaduta il 30 novembre scorso e non è stata rinnovata, pertanto, il presidente della Srr Ato 7 Ragusa, Giuseppe Cassì, ha chiesto l’intervento del Commissario straordinario dell’ex provincia di Ragusa con l’emissione di un’ordinanza in attesa che i competenti organi regionali provvedano all’istruttoria e alla relativa autorizzazione in via ordinaria dell’impianto in questione.

Il Commissario del Libero Consorzio Comunale di Ragusa, Salvatore Piazza, in forza dei pareri dell’Asp 7 e dell’Arpa e preso atto delle situazioni di eccezionale ed urgente necessità di tutela della salute pubblica e dell’ambiente e considerato che lo smaltimento dei rifiuti ed il recupero dei rifiuti urbani non differenziati avvengano in conformità ai principi di autosufficienza e di prossimità, ha ritenuto opportuno al fine di evitare l’interruzione di pubblico servizio e l’insorgenza di emergenze ambientali ed igienico-sanitarie di emettere l’ordinanza di proroga di funzionamento dell’impianto di TMB sino al 31 marzo 2019.