Eletto il nuovo direttivo

Congresso regionale di Neurologia a Ragusa

Ne fa parte il neurologo ragusano Emanuele Caggia

Successo di presenze e momento importante di confronto e formazione medico-scientifica al congresso regionale della Società dei Neurologi Ospedalieri (SNO) tenutosi presso l’auditorium San Vincenzo Ferreri di Ragusa Ibla nei giorni scorsi.

Il referente scientifico del corso è stato Emanuele Caggia, dirigente medico della Neurologia degli ospedali di Ragusa, mentre l’altra neurologa di Ragusa, Iole Bongiorno ha coordinato la sessione sulla sclerosi multipla. All’evento regionale, patrocinato dal Ministero della Salute, dalla Regione Sicilia, dal Comune di Ragusa, dall’ASP 7e dall’Ordine dei Medici di Ragusa i saluti dell’amministrazione cittadina sono stati portati, in rappresentanza del sindaco, dall’assessore ai servizi sociali Luigi Rabito, edè intervenuto l’on. Giorgio Assenza, presidente dei deputati questori all’Ars.

Invece la presidente della Commissione Affari Sociali alla Camera, on. MarialuciaLorefice, ha inviato un messaggio in quanto assente per impegni istituzionali.Topic del convegno sono stati: l’epilessia, l’ictus, i traumi vertebro-midollari e la sclerosi multipla. I maggiori esperti nel campo della neurologia hanno affrontato i vari temi con particolare attenzione sulle novità sia in campo diagnostico che terapeutico.Al termine del Convegno si è proceduto all’elezione del nuovo direttivo SNO Sicilia. La neo coordinatrice regionale è la dott.ssa Marina Rizzo. Consiglieri sono i dottori: Emanuele Caggia, Ragusa; Michele Abrignani, Marsala; Giuseppe Caravaglios, Catania; Salvatore Cicero, Catania; Giuseppe Craparo, Palermo; Maurizio Elia, Troina; Nicola Francaviglia, Palermo; Giacomo Gurgone, Agrigento; Filippo Lo Presti, Messina; Marco Saetta, Siracusa; Giuseppe Vaccaro, Caltanissetta. Tra le nuove terapie si è trattato l’utilizzo della cannabis ‘terapeutica’, utilizzata presso la Neurologia di Ragusa, tra le poche Asp in Sicilia autorizzata a concedere gratuitamente ai pazienti possibilità, ove sussistano le condizioni cliniche per il suo uso.

A fine convegno il commento del referente scientifico Emanuele Caggia “nel corso dei lavori abbiamo affrontato gli argomenti più attuali in campo neurologico partendo con le novità in campo epilettologico, con particolare attenzione alle nuove terapie ed all’epilessia dell’anziano, alla luce anche dell’invecchiamento della popolazione. Nella seconda sessione ci siamo occupati delle novità in caso di ictus, una delle principali cause di mortalità e disabilità. Esaminate anche le novità per il trattamento acuto, delle nuove terapie, di alcuni fattori di rischio ed anche del ruolo del neurochirurgo.

Abbiamo, poi, trattato i traumi vertebrali e midollari attraverso un approccio integrato tra neuroradiologo, neurochirurgo e fisiatra. Sono state affrontate le ultime novità in tema di sclerosi multipla, patologia particolarmente grave soprattutto perché colpisce i giovani.” (da.di.)