Le domande scadono il 12 dicembre

Torna a Chiaramonte Gulfi il concorso "Presepe in miniatura"

Tre le categorie in gara

Ritorna anche quest’anno, a Chiaramonte Gulfi, il concorso “Il presepe in miniatura nella città dei musei”. Organizzato dall’associazione “L’Arco” con il sostegno dell’amministrazione comunale l’appuntamento si annuncia come uno tra quelli della provincia di Ragusa che mette alla prova la capacità realizzativa del manufatto.

Tre le categorie. Per quanto riguarda i presepi in miniatura è la quinta edizione e, in questo caso, il concorso è riservato a quanti operano nel territorio della provincia di Ragusa anche se l’organizzazione apre le porte pure a chi arriva da altre zone della Sicilia e d’Italia. C’è poi il concorso comunale, arrivato alla settima edizione, la cui partecipazione è rivolta a comunità religiose e privati che esporranno i presepi al pubblico nel territorio di Chiaramonte Gulfi. Inoltre anche per quanto riguarda la categoria dei privati, i cosiddetti presepi in famiglia, l’edizione che si celebra è la settima. E pure in questo caso potranno partecipare quanti operano sul territorio cittadino. Ai partecipanti è stato chiesto di inviare delle foto del proprio presepe da quattro angolazioni differenti. Le foto saranno poi esposte per una mostra fotografica multimediale.

Per partecipare alle varie categorie c’è tempo ancora sino al 12 dicembre per quanto riguarda i presepi in miniatura, sino al 20 dicembre con riferimento alle categorie presepi aperti al pubblico e in famiglia. Si può partecipare presentando l’apposito modulo presso l’ufficio turismo del Comune di Chiaramonte, in corso Umberto; compilando l’apposito modulo d’iscrizione, scaricabile dal sito dell’ente locale www.comune.chiaramonte.rg.it. “I presepi che parteciperanno al concorso – dice Vito Sammatrice dell’associazione L’Arco – saranno esposti a partire dal 16 dicembre nei musei cittadini. Il 16 è la stessa data dell’inaugurazione della mostra. La premiazione è in programma il giorno dell’Epifania alla sala Leonardo Sciascia.