Ricerca Consob

Gli italiani investono poco in Borsa e nel Trading online

Ma sono tra i più ricchi d'Europa

Secondo una ricerca condotta dalla Consob, in Italia il numero delle famiglie che investe almeno una parte dei propri risparmi si posiziona tra i livelli più bassi registrati in Europa. Il quadro che emerge dallo studio evidenzia una ricchezza pressoché stabile nel nostro Paese negli ultimi anni, nonostante una propensione al risparmio in leggera diminuzione. Un forte contrasto quindi, tra la ricchezza al di sopra della media UE e gli investimenti privati nettamente al di sotto, nonostante vi siano tantissimi nuovi modi di investire, come l’ormai noto trading online.

Investimenti delle famiglie italiane e propensione al rischio
In Italia esiste ancora una forte barriera d’entrata rispetto al settore degli investimenti finanziari, una diffidenza nei confronti dei mercati che si riversa quasi esclusivamente sugli immobili. Gli italiani che possiedono dei risparmi li usano per comprare abitazioni da affittare, oppure li lasciano semplicemente sul conto corrente, dove non generano alcun tipo di rendimento o guadagno passivo.
Nonostante le buone opinioni sul trading online e sugli investimenti in borsa, nel nostro paese siamo ai livelli più bassi in Europa per la propensione al rischio e gli investimenti privati, un dato contrastante rispetto a quello relativo alla ricchezza media della famiglie italiane, una della più alte nella UE. Ciò che sembra frenare la ricerca di una rendita extra è principalmente la scarsa conoscenza degli strumenti d’investimento, soprattutto quelli legati al trading online e al mercato azionario.

Le uniche operazioni che vengono effettuate senza troppe remore sono quelle a basso rischio, come gli acquisti di titoli di Stato, obbligazioni e libretti di risparmio, oppure di strumenti rivolti alla previdenza integrativa e le classiche assicurazioni sulla vita. Si tratta tuttavia di asset che, a fronte di un’elevata protezione del capitale, non offrono rendimenti consistenti ma solo leggermente superiori all’inflazione.
La maggior parte delle persone ha dimostrato una scarsa conoscenza degli strumenti d’investimento e dei prodotti finanziari, perciò anche vuole investire lo fa affidandosi ciecamente alle indicazioni fornite dai consulenti bancari. Una diffidenza quindi conseguenza di una scarsa informazione sui mercati e sul loro funzionamento, che preclude le famiglie da qualsiasi opportunità d’investimento se non quelle legate al mattone e agli asset a basso rischio.

Come investire in Borsa: conoscenza dei mercati e degli strumenti di trading
Nonostante possa sembrare un controsenso, investire parte dei propri risparmi è il modo giusto per proteggere il capitale accumulato negli anni. Ovviamente, bisogna prima di tutto capire le basi del trading, capire come gestire il proprio patrimonio e soprattutto quanto investire. Il primo passo per investire in Borsa consiste quindi nella formazione, un lento processo di apprendimento che consente di familiarizzare con gli strumenti finanziari moderni.
Dopodiché è necessario mantenere alcuni capisaldi, come la diversificazione dei propri asset, l’analisi del rischio e l’individuazione delle opportunità migliori in base al proprio profilo. Di solito un portafoglio d’investimento deve prevedere una quota in asset a basso rischio, che protegge il capitale e copre l’esposizione sulle operazioni più rischiose, oltre a una divisione temporale a breve, medio e lungo termine.

La scelta dipende dai fattori macroeconomici e dall’area geografica di riferimento, per questo motivo è fondamentale imparare ad analizzare tali fattori e la loro incidenza sui mercati, come ad esempio la relazione tra spread alti e quotazioni dei titoli di Stato, oppure tra tassi di disoccupazione e cambi valutari. Inoltre bisogna operare su mercati diversi, azionario, obbligazionario, materie prime, Forex, fino a strumenti più avanzati come i CFD.
Imparare a costruire e gestire un portafoglio d’investimento è un’abilità estremamente importante nel 2018. Naturalmente bisogna essere preparati prima di comprare azioni o altri asset, ma con una giusta formazione, una diversificazione del portafoglio e un profilo d’investimento cauto e moderato si possono realizzare ottimi risultati. Oggigiorno non è più sufficiente mettere i soldi sotto il materasso o comprare soltanto immobili; per assicurarsi un futuro economicamente sereno è necessario capire come investire in Borsa, approfittando delle enormi opportunità finanziarie presenti.