Curiosità

Occhi al cielo per le lacrime d'autunno

Stelle cadenti il 18 e 19 novembre: note come lacrime d'autunno

Dalla mezzanotte del 17 novembre

0

0

0

0

0

Stelle cadenti il 18 e 19 novembre: note come lacrime d'autunno Stelle cadenti il 18 e 19 novembre: note come lacrime d'autunno

Occhi al cielo, tempo permettendo, per ammirare le stelle cadenti di novembre. Il picco delle “lacrime d’autunno” note come le Leonidi, figlie delle polveri della cometa Tempel-Tuttle, è previsto per il 18 e 19 novembre.

Secondo l’Unione Astrofili Italiani (Uai), avremo “tempeste saltuarie di stelle cadenti, tra le 10 e le 20 l’ora, visibili dalla mezzanotte del 17 novembre e soprattutto all’alba del 18 nella costellazione del Leone, verso Sud-Est. L’osservazione sarà favorevole perché la Luna sarà al tramonto”, rileva l’Uai. Ogni anno in autunno la Terra attraversa regioni dello spazio che contengono nuvole di particelle rilasciate dalla cometa Tempel-Tuttle durante il suo peregrinare cosmico che la porta periodicamente al punto di minima distanza dal Sole, il perielio.

L’ultimo incontro ravvicinato è stato nel 1998 e il prossimo sarà tra circa 30 anni. Ogni volta che la cometa si avvicina al Sole, dissemina nello spazio una scia di polveri che, a contatto con l’atmosfera terrestre, si accendono come lucciole, sfrecciando alla velocita di circa 72 chilometri al secondo. Per gli esperti dell’Uai, “attualmente la frequenza delle Leonidi è ritornata nella normalità con un numero contenuto di eventi. Quella che osserveremo - concludono - sarà la componente annuale, legata alle polveri risalenti ai precedenti passaggi al perielio e formata da meteore per lo più di debole luminosità”.  

 

0

0

0

0

0

Stelle
Cadenti
Novembre
Lacrime
Autunno
Commenti
Stelle cadenti il 18 e 19 novembre: note come lacrime d'autunno
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Terremoto di magnitudo 5 nella costa della Grecia
News Successiva
La terra ingoia più acqua del previsto dagli oceani