Intervento della Confesercenti

Per rilanciare l'aeroporto di Comiso bisogna aprire ai privati

Non piace la proposta del Comune di Comiso

“La proposta arrivata dal Comune di Comiso di costituire una nuova società consortile per ‘gestire’ il 35% delle quote di proprietà dell’ente casmeneo ed eventualmente acquisire quote Intersac in liquidazione non piace al presidente della Confesercenti provinciale di Ragusa Luigi Marchi.

In primis la costituzione di una nuova società aperta agli enti pubblici locali, con tutti i problemi finanziari che questi enti si ritrovano, secondo Confesercenti appare poco lungimirante, e poi perchè in netto contrasto con la legge Madia che non consente ai Comuni e agli enti pubblici di acquisire quote di società in perdita negli ultimi tre anni. Secondo Confesercenti il Comune di Comiso deve aprirsi ai privati se vuole rilanciare veramente lo scalo di Comiso. Una scelta ‘forte’ che non deve apparire come una sconfitta perchè il pubblico ha grossi problemi di sopravvivenza e mantenere un’infrastruttura di tale portata e strategica per tutto il territorio è prioritario rispetto a qualsiasi altra cosa.

“Dal Sindaco ci saremmo aspettati – aggiunge Massimo Giudice, direttore della Confesercenti – un’assemblea aperta a tutto il partenariato socio-economico della provincia per capire le pulsioni del tessuto economico di questo territorio invece che adesioni spontanee ma poco realizzabili degli enti locali che in questi anni hanno avuto difficoltà anche a deliberare le relative ‘tasse’ di soggiorno in favore dell’aeroporto di Comiso.