Mostra fotografica

Mediterraneum Collection a Modica

Aperta al pubblico fino al 2 dicembre

Le tante sfaccettature diverse del linguaggio fotografico contemporaneo contenute in una mostra allestita all’interno del suggestivo ex Convento del Carmine a Modica. Inaugurata la mostra antologica promossa, con il patrocinio del Comune di Modica, dalla Fondazione Teatro Garibaldi e dall’associazione culturale “Mediterraneum”.

Collezioni di artisti della fotografia diversi tra loro ma che grazie ai loro stili permettono di stabilire la ricchezza del linguaggio fotografico contemporaneo. Oltre cinquanta opere di maestri e autori donate all’archivio fotografico “Mediterraneum Collection”. Ferdinando Scianna, Tony Gentile, Mario Cresci, Giuseppe Leone, Frank Horvat, Pep Escoda, sono solo alcuni dei grandi nomi del mondo della fotografia coinvolti in questo progetto culturale che da anni cerca di capire, di scrutare e di diffondere sogni, ricordi, ambizioni. Tutte le opere in mostra sono state donate dagli artisti che hanno deciso di trasmettere la propria creatività e testimonianza artistica con lo scopo di realizzare uno spazio museale in Sicilia orientale dedicato alla fotografia contemporanea internazionale.

Alla presenza di un folto pubblico la mostra è stata inaugurata e presentata dal sovrintendente della Fondazione Teatro Garibaldi, Tonino Cannata, dal prof. Paolo Nifosi e dal presidente di “Mediterraneum”, Vittorio Graziano, con interventi del sindaco Ignazio Abbate e dell'assessore alla cultura, Maria Monisteri. La mostra resterà aperta al pubblico fino a domenica 2 dicembre 2018 quando è previsto il finissage sempre all’interno delle sale espositive dell’ex Convento del Carmine. Successivamente l’esposizione verrà trasferita a Catania, all’interno dell’ex Convento di Santa Chiara, fino a domenica 6 gennaio 2019.

Nell’ambito della mostra fotografica verrà pubblicato la prima edizione del “Catalogo degli Autori” le cui opere fanno parte della “Mediterraneum Collection”. Come da calendario la mostra a Modica resterà aperta al pubblico, fino al 2 dicembre, da martedì a venerdì dalle 16:00 alle 20:00, il sabato dalle ore 16:00 alle 21:00, mentre è possibile visitare la mostra la domenica dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 16:00 alle 21:00.