Nel centro storico superiore

Ragusa, liquami dai tombini al quartiere Ecce Homo

La denuncia del consigliere Firrincieli

Una domenica in mezzo alla melma. E’ quella che hanno trascorso ieri i residenti della zona di via Solferino, e delle altre arterie limitrofe, proprio alle spalle della chiesa dell’Ecce Homo, nel centro storico superiore di Ragusa, dopo lo scoppio dei tombini che hanno fatto fuoriuscire liquidi maleodoranti.

La denuncia arriva dal consigliere comunale M5s Sergio Firrincieli che ieri ha effettuato un sopralluogo sul posto dopo che già, per la quinta volta, nel corso della settimana, si era verificato lo stesso problema, anche se con minore veemenza. Ieri, invece, la fuoriuscita è risultata alquanto copiosa. “Quando sono arrivato io – spiega Firrincieli – c’era già una pattuglia dei vigili urbani che aveva avvisato la ditta per la sanificazione dell’area oltre che per riparare il guasto alla conduttura. Il fatto è che non sappiamo fino a quando resisterà la riparazione momentanea sino al ripetersi di un altro evento simile con lo sversamento di liquami fognari.

I residenti della zona sono ormai esasperati da questa situazione. Chiediamo all’assessore al ramo e all’ufficio tecnico di attivarsi considerato che si tratta di un problema che si è ripetuto più volte nel corso degli ultimi giorni. E’ comunque necessario che, al di là dell’intervento contingente, si programmi un’opera di pulizia più complessiva e programmata per dare risposte su una questione che si sta trascinando da troppo tempo perché si possa fare passare sotto silenzio. Il fatto che i liquami continuano a fuoriuscire come se nulla fosse e che poi per parecchio tempo siano rimasti sul piano stradale ha creato una condizione complessiva di mancanza di igienicità davvero preoccupante con tutte le conseguenza che una problematica del genere può comportare. Occorre adoperarsi in maniera urgente”.