Curiosità

Studio pubblicato sulla rivista Science

I pensieri volano grazie al Gps del cervello

Lo stesso sistema che usa l'uomo per orientarsi nell'ambiente

0

0

0

0

0

I pensieri volano grazie al Gps del cervello I pensieri volano grazie al Gps del cervello

Il cervello per “navigare” tra i pensieri usa il proprio Gps. Lo sostiene uno studio, pubblicato sulla rivista Science, del Max Planck Institute per le Scienze umane cognitive e del cervello, in collaborazione con il norvegese Kavli Institute per le Neuroscienze.

Alla ricerca ha contribuito anche Edvard Moser, premio Nobel per la Medicina nel 2014 con a moglie May-Britt e John O'Keefe per la scoperta del Gps del cervello. Secondo i ricercartori il cervello per “navigare” tra i pensieri usa lo stesso sistema che gli esseri umani usano per orientarsi nell'ambiente aiuta a organizzare le conoscenze in una vera e propria mappa mentale. Questa tesi era stata già sostenuta da un altro studio che aveva dimostrato che i cosiddetti neuroni Gps si attivano non soltanto quando ci si muove nello spazio, ma quando si apprendono nuove conoscenze.

Mettendo insieme tutte le precedenti scoperte è stato ipotizzato che il cervello si basa su una mappa mentale, senza differenze tra spazi reali o spazi virtuali tra le varie dimensioni dei nostri pensieri. Questi processi si rivelano particolarmente utili quando ci si trova di fronte a esperienze o situazioni nuove e sconosciute: utilizzando la mappa delle conoscenze in proprio possesso si può prevedere il grado di somiglianza tra una cosa nuova e le nozioni già acquisite. Ad esempio, pur non avendo mai visto un leopardo, si può "posizionarlo" correttamente nella mappa se abbiamo già incontrato altri grandi felini, come tigri e leoni.  

 

0

0

0

0

0

Cervello
Pensieri
Gps
Salute
Commenti
I pensieri volano grazie al Gps del cervello
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Arriva la cometa di Natale 2018: visibile a occhio nudo a dicembre
News Successiva
Uso eccessivo dei social: attenti aumenta rischio depressione e solitudine