Nella chiesa del Sacro Cuore ex Gesuiti

Successo per la festa di San Martino a Ragusa: si pensa alla sagra

Don Marco Diara: per il prossimo anno organizzeremo una vera e propria sagra

“Una straordinaria esperienza. Con un numero così elevato di partecipanti che abbiamo già programmato, per il prossimo anno, di organizzare una vera e propria sagra di San Martino a Ragusa. Una risposta consistente in termini numerici che ci lascia ben sperare circa il cammino di aggregazione che come parrocchia intendiamo compiere”.

Parola di don Marco Diara, parroco del Sacro Cuore di Gesù (Gesuiti) a Ragusa, dopo le innumerevoli presenze che si sono registrate sabato sera in occasione della festa in onore del vescovo di Tours. Nonostante il maltempo, i parrocchiani non si sono tirati indietro e, anzi, hanno fatto sì che l’invito potesse essere esteso a quante più persone possibili. Iniziative per grandi e piccini e poi la degustazione del panino con la salsiccia oltre che delle immancabili frittelle. “Basti pensare – afferma don Diara – che abbiamo prenotato circa cinquecento panini riferiti ad altrettante persone che ci avevano già assicurato la loro presenza.

Poi il numero è risultato più alto anche perché la serata è proseguita con i balli di gruppo coordinati da Erika Brullo e con il dj Gabrile Brullo. E’ stata una straordinaria kermesse per cui ringrazio tutti i componenti della comunità che si sono impegnati per la piena riuscita della stessa. Il mio obiettivo è quello di favorire sempre di più l’aggregazione, lo stare insieme in parrocchia, coltivando tempo utile e buono da passare insieme. Una splendida risposta quella che è arrivata da tutti i partecipanti che, nel salone parrocchiale, hanno animato la cena e, poi, si sono cimentati con le danze.

Ringrazio l’intero staff organizzativo e chi ha voluto condividere con noi questi momenti. Ecco perché stiamo pensando proprio alla creazione di una sagra allo scopo di istituire una tradizione legata al periodo di San Martino, tradizione che in effetti nella città di Ragusa manca”.