Cultura

A Modica una giornata di studi dedicata a Franco Libero Belgiorno

Appuntamento sabato al Palacultura

0

0

0

0

0

A Modica una giornata di studi dedicata a Franco Libero Belgiorno A Modica una giornata di studi dedicata a Franco Libero Belgiorno

“Franco Libero Belgiorno, oltre il museo” è il tema di una giornata di studi dedicata al giornalista, allo scrittore, al romanziere, all’archeologo che fondò il Museo civico a lui intitolato. L'appuntamento è per sabato 10 novembre alle ore 17.00 nella sala “Salvatore Triberio” del Palacultura organizzato da Comune, “Arca Sicula” e dal Museo Civico.

I temi della giornata sono stati illustrati nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno partecipato, il prof. Giovanni Di Stefano, archeologo e direttore onorario del Museo Civico “F.L. Belgiorno”, l’assessore alla Cultura Maria Monisteri e Giorgia Belgiorno, operatrice culturale e figlia dell’intellettuale scomparso. La giornata di studio si svilupperà con una serie di interventi che daranno una prospettiva a tutto tondo della produzione culturale di F.L. Belgiorno. Ne parleranno: l’archeologo Giovanni Di Stefano, lo storico Giuseppe Barone, il giornalista e scrittore Giuseppe Calabrese, lo storico dell’arte, Paolo Nifosì e la prof.ssa Lucia Trombadore.

La giornata di studio si caratterizzerà con due intermezzi di recitazione da parte dell’attore Marcello Sarta, con il commento musicale del giovane Andrea Cannata di alcuni brani tratti dal romanzo di F.L.Belgiorno “La casa rossa di Portomarranco” e un’esposizione di grafiche ispirate dalla narrazione dell’opera di Giusy Tuè.

 

0

0

0

0

0

Belgiorno
Modica
Giornata
Studi
Commenti
A Modica una giornata di studi dedicata a Franco Libero Belgiorno
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Omaggio a Frida da Ragusa a Cosenza
News Successiva
Daniela Fava presenta il suo romanzo "Io sono Marilù"