Preparazione di scacce

"U manciari scurdatu" a Modica

Una iniziativa voluta dal Dipartimento di salute mentale

Un pomeriggio dedicato alla preparazione di scacce ragusane e modicane nell'ambito del progetto “U manciari scurdatu” avviato nelle comunità alloggio “Beautiful Days” a Modica e realizzato in collaborazione con il Dipartimento di Salute Mentale.

Il progetto è stato curato da Laura Pisana, responsabile delle comunità “Beautiful Days”, “Girasole” e “Tulipano,” e dalla sociologa Alessandra Barone, del Dipartimento di Salute Mentale (DSM). Gli ospiti delle comunità ed i pazienti del Centro Diurno del DSM sono stati i protagonisti del progetto che culmina nella realizzazione dei piatti e dei cibi, all’interno dell’”Osteria dei Sapori Perduti” di Modica e che si pone l'obiettivo della socializzazione, il recupero delle autonomie e delle competenze pregresse che la malattia mentale fa perdere. A guidare la brigata ieri è stata la chef Stefania Ferrante. A conclusione, il pranzo nel ristorante. Il prossimo incontro si svolgerà a metà novembre.

Il progetto si concluderà nel periodo natalizio, con una cena finale preparata nelle cucine della Osteria.