Terremoti e prevenzione

Rischio sismico Catania: il lavoro della commissione urbanistica

Preannunciato ordine del giorno sulla riclassificazione del territorio

La Commissione Urbanistica del Comune di Catania ha preannunciato di voler predisporre un Ordine del Giorno con il quale chiedere al Sindaco di Catania e all'Amministrazione Comunale di attivarsi con il Ministero competenente affinchè si possa riattivare l'iter della classificazione del territorio cosicché Catania possa essere riconosciuta in fascia 1 e godere di tutte le agevolazioni previste per le Città ad alto rischio sismico.

La prima audizione ha visto come ospite la Dirigente del Dipartimento di Protezione Civile l'Architetto Maria Luisa Areddia che ha fornito un quadro generale sullo stato della Direzione Protezione Civile del Comune di Catania. Durante l'incontro sono state illustrate le attività svolte in questi anni in tema di prevenzione e ci si è soffermati in particolare sulle criticità riscontrate. “In primis, la Commissione – dichiara il Presidente Manfredi Zammataro- ha evidenziato la necessità di avviare l'iter per l'aggiornamento e l'approvazione del nuovo Piano di Emergenza Comunale con il relativo allegato relativo agli Scenari di Rischio, strumento questo fondamentale per affrontare prontamente eventuali situazioni di Calamità e che oggi risulta essere quello approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 19 del 9 aprile 2013 e quindi vetusto.

Inoltre è emersa la necessità che gli Uffici competenti procedano a predisporre un nuovo censimento sullo stato di sicurezza degli Edifici Istituzionali (Scuole, Ospedali, Università e Luoghi di eventuale raccolta), nonché degli Edifici privati. “Infine, - prosegue il Presidente della Commissione -è emerso come la città di Catania, seppure attualmente catalogata in fascia 2, è una delle città europee a più alto rischio sisimico a causa della vicinanza con la faglia Ibleo Maltese. Tale situazione paradossale, non permette alla Città di Catania di poter godere di tutte le agevolazioni previste per le Città Classificate in fascia 1.

La commissione proseguirà nelle prossime settimane con le ulteriori audizioni in programma.