Gara casalinga domenica pomeriggio

Il Modica torna in campo al Barone contro la Don Bosco 2000

Rappocciolo: bisogna vincere e convincere

Dopo aver saltato per il maltempo la gara di ritorno di Coppa Italia in casa del Ragusa, il Modica di Franco Rappocciolo si rituffa in campionato e stasera ultimerà la preparazione in vista della gara casalinga che domenica pomeriggio vedrà i “Tigrotti” impegnati al “Vincenzo Barone” contro la Don Bosco 2000 Aidone.

Una gara difficile contro un avversario ostico che al “Barone” ha già fatto male al Frigintini, che Buscema e compagni devono assolutamente vincere per riscattare la brutta prova fornita contro il Floridia e risalire in classifica. I rossoblù, in casa hanno sempre dimostrato di essere squadra ben rodata che mette quasi sempre in difficoltà l'avversario di turno, ma in trasferta nelle prime tre uscite è sempre tornata a casa con un pugno di mosche in mano. “Il problema del Modica – spiega Franco Rappocciolo – fuori casa credo sia psicologico e su questo dovremo lavorare. Lontano da casa non giochiamo con la stessa spensieratezza che abbiamo al “Barone”.

Il ko di Solarino ci ha fatto male, ma ne è seguita una presa di responsabilità importante sia da parte mia che della squadra. Le prossime gare – conclude l'allenatore del Modica - mi aspetto delle risposte da parte di tutto il gruppo. Già contro la Don Bosco bisogna vincere e convincere”. La gara del “Vincenzo Barone” tra i rossoblù di casa e la Don Bosco 2000 Aidone è stata affidata a Luigi Scicolone della sezione AIA di Caltanissetta, mentre i due assistenti saranno gli agrigentini Calogero Gallea e Giuseppe Tarallo. Calcio d'inizio fissato per le 15,30.