Benessere

Dieta, piatto unico per dimagrire mangiando: ecco cosa

Lo schema dietetico dei 4 giorni

La dieta del piatto unico puo’ far dimagrire fino a 2 chili in 4 giorni. Si basa sul consumo di un unico piatto a pranzo e cena e prevede il consumo di molta frutta e verdura. Ma vediamo cosa prevede lo schema dietetico dei 4 giorni.

Primo giorno: colazione con un bicchiere di latte parzialmente scremato con due fette biscottate integrali. Spuntino: due prugne o un grappolo di uva. Pranzo: insalata mista e caprese con 150 grammi di mozzarella. Merenda: una mela. Cena: un piatto di zuppa di legumi e cicoria cotta al vapore. Secondo giorno: colazione con un bicchiere di latte e due fette biscottate integrali. Spuntino: una mela o una pera. Pranzo: 200 grammi di carne bianca e spinaci cotti al vapore. Merenda: due prugne o una pera. Cena: 250 grammi di salmone cotto al vapore e insalata mista.

Terzo giorno: colazione con un bicchiere di latte parzialmente scremato con 2 biscotti integrali. Spuntino: una mela. Pranzo: 60 grammi di riso integrali condito con zucchine saltate in padella o bollite. Merenda: 5 mandorle. Cena: 200 grammi di pollo e insalata mista. Quarto giorno: colazione con un bicchiere di latte parzialmente scremato e due fette biscottate integrali. Spuntino: una mela. Pranzo: 60 grammi di spaghetti col tonno. Merenda: una pera. Cena: due uova sode, verdure grigliate e una fettina di pane integrale. Durante la dieta vanno assolutamente vietate tutte le bevande alcoliche, gasate e zuccherate ed ogni tipo di snack dolce o salato.

Come facciamo sempre in tutte le diete pubblicate sul nostro sito raccomandiamo di consultare il proprio medico o uno specialista prima di cominciare qualsiasi tipo di regime alimentare dietetico. Ogni notizia o consiglio su diete o regimi alimentari pubblicate nel nostro sito devono intendersi al solo scopo informativo. Tali informazioni non devono mai sostituire la consulenza personalizzata di un medico dietologo o nutrizionista. Pertanto, ogni decisione presa sulla base di queste indicazioni dev’essere intesa come personale e secondo propria responsabilità.

Un programma alimentare indicativo infatti, non può in ogni caso sostituirsi alle scelte del Medico, che rimane sempre il decisore ed il responsabile finale. Questa dieta non e’ adatta a chi offre di diabete, altre patologie alle donne in gravidanza.