Benessere

Dieta Barry per dimagrire e ridurre girovita

E' nota come dieta zona

La dieta Barry meglio nota come dieta zona inventata dall’americano Barry Sears e tra le piu’ seguite in Italia. Si basa su uno schema alimentare ben preciso che prevede ad ogni pasto il piatto andrebbe idealmente diviso in tre parti: il 40% delle calorie dovrebbe derivare dai carboidrati, il 30% dai grassi e il 30% da proteine.

Inoltre per non innalzare i livelli di glicemia nel sangue andrebbero evitati gli alimenti con un indice glicemico molto alto, come farine, pasta e pane bianchi, torte, patate, prodotti da forno, riso e mais mentre sono da favoriti i cibi con indice glicemico basso, come carne, pesce, uova, latticini, frutta e verdura, frutta secca e cioccolato amaro. Tra le proteine inoltre si puo’ scegliere tra quelle proveniente da carne, pesce, uova, latticini light, legumi, soia e tofu. Tra i grassi meglio quelli monoinsaturi e polinsaturi (olio extravergine d'oliva, frutta secca, pesce azzurro) ed evitare quelli saturi (carni rosse, burro, strutto).

Ma vediamo cosa prevede un menu’ tipo di un giorno. Colazione con un frullato di un bicchiere di latte, mezza mela, 2 cucchiai di mandorle. Pranzo: tortilla con formaggio light, 1/4 di avocado, 3 fette di pomodoro, petto di tacchino alla griglia e due foglie di lattuga romana. Cena: petto di pollo cotto con 2 cucchiai di olio di oliva, mezza cipolla tritata, 1 spicchio d’aglio tritato, pomodori. Durante la dieta vanno abolite tutte le bevande alcoliche, gasate e zuccherate e ogni tipo di snack dolce o salato. Inoltre e' importante svolgere una regolare attivita' fisica giornaliera.

Come facciamo sempre in tutte le diete pubblicate sul nostro sito raccomandiamo di consultare il proprio medico o uno specialista prima di cominciare qualsiasi tipo di regime alimentare dietetico. Ogni consiglio su diete o regimi alimentari pubblicate nel nostro sito devono intendersi al solo scopo informativo. Pertanto, ogni decisione presa sulla base di queste indicazioni dev’essere intesa come personale e secondo propria responsabilità. Un programma alimentare indicativo infatti, non può in ogni caso sostituirsi alle scelte del Medico, che rimane sempre il decisore ed il responsabile finale.

Questa dieta non e’ adatta a chi offre di diabete, altre patologie alle donne in gravidanza.