Giorgio Assenza presenta una proposta di legge all'Ars

Un disegno di legge contro il bullismo

Assenza: la Sicilia puo' essere la prima a farlo

“Ancora in itinere l’istituzione di una commissione di inchiesta al Senato, la Sicilia può esser la prima a dotarsi di una seria legislazione contro il bullissmo; meglio, i bullismi – dice Giorgio Assenza, estensore di un ddl circostanziato sull’argomento, il quale continua spiegando – si deve parlare, per questo negativo fenomeno (che, fra bulli e bullizzati, coinvolge addirittura la metà degli 11-17enni), di due tipi di bullismo a loro volta comprendenti numerose fattispecie: quello primario, scolastico o sociale e il cyberbullismo, e quello secondario, omofobo, xenofobo, fra fratelli, verso il disabile, nei confronti di chi è più dotato e il bullismo femminile”.

“Una jattura – riprende il presidente dei Questori in Ars – che deve essere affrontata in modo multifattoriale e trasversale come lo stesso fenomeno è. Per questo, occorre far funzionare una rete fatta da scuola, famiglia, ente locale, istituzioni in genere, enti di culto, associazioni culturali, sportive e sociali. Un’epidemia di violenza psicologica e spesso fisica che deve esser curata attraverso un percorso di rieducazione degli adulti (istitutori e genitori, spesso colposamente permissivi) che, dal punto di vista politico, passerà dall’adozione del Piano regionale di settore di interventi che possono esser oggetto di finanziamenti: dalle campagne di sensibilizzazione e di informazione a iniziative culturali, sociali e nel mondo dello sport fino a veri e propri corsi di formazione e a programmi recupero e assistenza per mezzo di gruppi di supporto”.

Per informazione, la giornata nazionale contro il bullismo, nel 2018 alla sua seconda edizione, è fissata per ogni 7 febbraio.